HomeCulturaL’omaggio a Silvio D’Arzo di Elisa Pellacani

L’omaggio a Silvio D’Arzo di Elisa Pellacani

Più che la celebrazione dell’anniversario (il sessantesimo) della morte dello scrittore reggiano Silvio D’Arzo, l’evento culturale in corso presso la sede dell’Agenzia di Reggio Emilia di Assicuazioni Generali evidenzia caratteri di propositività quali difficilmente si riscontrano in iniziative analoghe.

Intanto, si è inaugurata la mostra “Camminare per l’aria” con disegni, gioielli e libri d’artista che Elisa Pellacani ha realizzato ispirandosi alla poetica darziana. Un evento che, da solo, avrebbe motivato la partecipazione del folto pubblico che è convenuto nella Terrazza di Via Pansa. La mostra costituisce, infatti, un’occasione di grande interesse per i cultori dell’arte figurativa e plastica contemporanea, fornendo una dimensione interpretativa di personaggi e situazioni dei racconti di Silvio D’Arzo che si realizza con illustrazioni e con libri d’artista, approdando nella tridimensionalità con installazioni, gioielli e forme plastiche.

A questo rilevante risarcimento dell’opera darziana si è aggiunta la presentazione di un libro, progettato e curato dalla stessa Elisa Pellacani per conto dell’Editore Consulta librieprogetti di Reggio Emilia, che costituisce un ulteriore tassello per la comprensione del “fenomeno D’Arzo”. Il volume, intitolato “Attualità di Silvio D’Arzo”, offre proposte, testimonianze e documenti in gran parte inediti: riccamente illustrato, accoglie una selezione di brani del romanzo “All’insegna del Buon Corsiero” che consentono di delineare la figura e il signficato di un personaggio caro a Silvio D’Arzo, il Funambolo; poi propone gli atti del convegno di studi che si è tenuto, il 23 novembre 2010, nella Sala del Tricolore di Reggio Emilia per la presentazione del saggio critico di Luciano Serra, con i contributi critico-intepretativi di Clementina Santi, Roberto Carnero, Luciano Serra e Elisa Pellacani, e gli interventi di Emanuela Caselli (in rappresentanza del Comune di Reggio, che ha patrocinato l’iniziativa), Ercole Leurini e Francesco Germini (che hanno offerto voce e musiche a brani di storie darziane). Oltre questi materiali, l’opera presenta nove testimonianze inedite o dimenticate e documentazioni originali che offrono uno spaccato di grande respiro per la comprensione della figura e dell’opera del grande scrittore.

L’intero volume si qualifica per la determinazione con la quale persegue l’identificazione dell’attualità del lascito letterario di Silvio D’Arzo e, fornendo ragioni per una riscoperta di valori culturali e artistici, s’inserisce a pieno titolo tra la bibliografia darziana più qualificata.

Nel corso dell’iniziativa Elisa Pellacani ha infine fornito anticipazioni circa la scelta della Casa editrice Consulta di dedicare un’attenzione speciale alla valorizzazione e diffusione delle opere di Silvio D’Arzo: dal prossimo anno, in concomitanza con l’anniversario della morte dello scrittore, verrà istituito un Premio letterario a carattere nazionale intitolato a Silvio D’Arzo, consistente nella pubblicazione di un’opera selezionata ogni anno, e l’avvio di una collana editoriale riservata a studi e ricerche su D’Arzo che si arricchirà di un titolo ogni due anni.

Per queste ragioni, gli eventi che si sono realizzati presso la sede dell’Agenzia di Assicurazioni Generali possono essere ascritti ad un atteso risarcimento della figura e dell’opera di Ezio Comparoni / Silvio D’Arzo nella sua terra natale: essi mostrano una rinnovata attenzione a questo scrittore che appartiene alla miglior espressione della letteratura italiana del Novecento.

L’immagine del Funambolo, riprodotta con felice intuizione da Elisa Pellacani in un’installazione aerea già esposta alla fine del 2010 da un balcone dell’Hotel Posta del centro ed ora presente sulla piazza antistante la sede della mostra, rappresenta emblematicamente l’impegno propositivo di cui si fanno carico la mostra e il libro, con il patrocinio del Comune di Reggio e per la fattiva collaborazione dell’Editore Consulta e dell’Agenzia di Assicurazioni Generali di Reggio Emilia.

La mostra “Camminare per l’aria. Disegni, gioielli e libri d’artista per Silvio D’Arzo” di Elisa Pellacani resterà aperta fino al 28 ottobre in Via Pansa, 33, ed è visitabile tutti i giorni in orario d’ufficio. Il volume “Attualità di Silvio D’Arzo” (pp. 144, Euro 15,00) è disponibile in mostra e nelle principali librerie.

Note biografiche su Elisa Pellacani

Elisa Pellacani usa diversi linguaggi espressivi: la fotografia, il disegno, la pittura, l’arte orafa. Linguaggi che sperimenta e unisce nell’esperienza editoriale, sia attraverso la Casa editrice “Consulta, libri e progetti”, sia con la creazione e diffusione di libri d’artista.

L’attività della casa editrice è rivolta alla pubblicazione di scritti inediti e alla valorizzazione di autori locali.

I libri d’artista sono oggetti, perlopiù unici, in cui libera la sua creatività, adottando materiali inusuali, compresi metalli preziosi e tecniche dell’arte orafa.

Reggiana, alterna la sua presenza nella nostra città al lavoro in Barcellona, dove impartisce lezioni per la realizzazione artigianale e artistica di libri, utilizzando metodi antichi e spesso desueti.

Sue foto, prevalentemente dedicate ad un’analisi etnocentrica, sono state esposte in mostre e rassegne, e sono raccolte in volumi monografici.

Coordina dal 2008 il Festival del libro d’artista di Barcellona, che si tiene ogni anno il 23 aprile, Giornata mondiale del libro per l’UNESCO e che organizza con la collaborazione dell’Associazione culturale ILDE, I Libri De…e della Scuola itinerante del libro.

Ha al suo attivo decine di pubblicazioni e ha partecipato a Fotografia Europea, a VISA Fotofestival di Perpignan, alla Biennale d’arte di Venezia e al Festival du Carnet de voyage di Clermont-Ferrand. Coordina e illustra la rassegna settimanale del racconto della domenica sul quotidiano L’informazione di Reggio, Modena e Bologna.

Sue opere sono esposte in gallerie europee e americane.

Ultimo commento

  • mo basta ‘ste marchette … Sempre guaradre a casa sua, suvvia, un poco anche a casa d’altri !