Il segreto svelato

hoppe1La Fondazione MAST di Bologna propone, fino al 3 maggio 2015, circa duecento fotografie di Emil Otto Hoppé. Il MAST, centro legato alla tecnologia, sottolinea il proprio interesse nei confronti del mondo industriale e del lavoro, oggetto della ricerca dell’autore. L’evento precedentemente organizzato ha portato in mostra con successo gli scatti di David Lynch. Fotografo tedesco naturalizzato inglese, Hoppé è noto in particolar modo per il proprio interesse verso i ritratti, le immagini di viaggio e di paesaggi, può essere perciò annoverato tra i maggiori fotografi del suo tempo, alla pari di Stieglitz, Steichen, Evans, Weston e Sander. Nella mostra organizzata dal MAST Hoppé, attraverso fotografie scattate nei suoi viaggi in tutto il mondo, propone una descrizione critica dei panorami industriali. L’autore rappresenta cioè la propria posizione rispetto al sistema, facendosi precursore delle problematiche più recenti legate alla produzione di massa.

hoppe2

Così, per esempio, nel caso di Detroit sottolinea la supremazia delle auto rispetto alla presenza umana, Londra la potenza della Borsa, nelle fabbriche il mondo operaio e l’estrema povertà delle proprie condizioni, infine lo spettro della disoccupazione. Hoppé rivela alle nostre coscienze un’acuta lettura delle conseguenze della seconda rivoluzione industriale, attraverso immagini datate tra il 1912 e il 1937. Un’ atmosfera fuligginosa copre i paesaggi di Hoppé, sembra di sentirne la consistenza. I soggetti, il ferro, le miniere, le grandi strutture, testimoniano una rivoluzione che avrebbe portato con sé tristi conseguenze e già rivelava gravi problemi sociali. Al MAST va il merito di avere presentato in anteprima la raccolta di scatti, fino ad oggi conservata alla Mansell Collection, l’archivio londinese al quale l’autore aveva ceduto le proprie opere.

A fianco della raccolta di fotografie industriali, i ritratti. In questo caso, a Hoppé fu chiesto di immortalare personalità di spicco del mondo a lui contemporaneo. Tra questi Ezra Pound, Albert Einstein, Benito Mussolini, Rudyard Kipling, Filippo Tommaso Marinetti, Virginia Woolf, Henry James.

 

Emil Otto Hoppé: il segreto svelato

Fotografie industriali 1912-1937

MAST.GALLERY

Dal 21 gennaio al 3 maggio 2015

 

Anna Vittoria Zuliani

 

 

 

 

 

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS