HomeCulturaConnessi e scontenti

Connessi e scontenti

IMG-20160326-WA0027

Gruppo di convenuti con, primo da destra, Lorenzo Notari

Una vigilia di Pasqua sui generis, in qualche modo senza liturgia. Gli organizzatori non hanno scelto a caso l’unico giorno dell’anno in cui la Chiesa non celebra Sante Messe in quanto Gesù resta avvolto nel sudario fino a redenzione avvenuta. Per loro infatti è stata una giornata a-rituale, cioè senza cliccare compulsivamente col mouse o battere freneticamente i tasti del computer. E così hanno cercato di riscattarsi; anche per loro in fin dei conti, almeno quel giorno, è stato vigilia di resurrezione.

La prima convention degli internettati (internati da internet) si è svolta a Bologna su idea ed organizzazione del sociologo reggiano Lorenzo Notari che ha voluto ricordare come la realtà virtuale ormai crei una vera dipendenza sociopatologica e che in qualche modo sia necessario, seppur scherzosamente (chi era alla reunion, essendo consapevole del proprio “disagio”, è facilmente “curabile”) correre ai ripari con contro-misure di carattere comunitario.

Piccoli gruppi di auto-aiuto. come nelle comunità sessantottine, che hanno focalizzato l’attenzione di volta in volta sui più disparati (e disperati) argomenti: il rischio della facebookrazia, likeo dunque sono, dal laicismo al likeismo e via discorrendo, facendo un po’ di sana (auto)ironia.                                       internet qb

Visto il successo, forse non numerico ma semiotico, dell’iniziativa, Notari ha annunciato che l’esperienza si sposterà in diverse città della regione a cominciare (presto) proprio dalla sua Reggio Emilia.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.