HomeCulturaColorno, il Festival della Lentezza torna in riva al Po

Colorno, il Festival della Lentezza torna in riva al Po

Tempo e lentezza dal punto di vista delle donne. E’ il tema scelto per l’edizione 2016 del Festival della Lentezza, che dopo il successo dell’anno scorso torna da domani a domenica 19 a Colorno, allestito nel centro storico del paese: i cortili interni della Reggia Ducale, la biblioteca comunale, le aule didattiche di Alma, il parterre del Giardino Ducale.
La nuova edizione mette al centro le donne “perché a loro è chiesto uno sforzo doppio, rispetto al già complesso rapporto con il nostro tempo. Costrette a rincorrerlo continuamente, pur essendo di animo lento, istintivamente. Nella cura materna. Nel sentire. Nello stare nello spazio in cui si muovono, ogni giorno” scrivono gli organizzatori.

Come di consueto, il Festival promosso  dall’Associazione Comuni virtuosi si prevede ricco di incontri, presentazioni di libri, laboratori animati per bambini e famiglie, concerti, artisti di strada, mercatini e spazi espositivi. Non mancheranno dibattiti tra addetti ai lavori e stimoli alla politica nazionale, nello stile dei Comuni virtuosi: lasciare al loro destino le polemiche politiche per mettere al centro dell’attenzione le “buone pratiche” amministrative. A Colorno sono quindi attese decine di esperienze virtuose da tutte le parti d’Italia, che si confronteranno in un territorio rodato nella sperimentazione attiva di azioni lente e sostenibili.

Domani sera il concertoin programma vedrà ospiti i “Musica Nuda” con il loro Little Wonder Tour. Sabato sarà la volta dello spettacolo teatrale “Ferite a morte” scritto e diretto da Serena Dandini. Domenica 19 un triplo appuntamento: il reading di Stefano Benni “Le Beatrici”, le “Parole con la chitarra” di Paola Turci e la Serenata di Mezzanotte, alla Dea Luna con un programma originale del maestro di arpa celtica e bardica Vincenzo Zitello.
Tutti gli appuntamenti sono visibili sul sito ufficiale lentezza.org. L’ingresso al Festival e agli spettacoli è gratuito.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.