HomeAttualitàArriva Halloween, la chiesa emiliana insorge

Arriva Halloween, la chiesa emiliana insorge

Non è proprio una crociata, ma poco ci manca. La festa (importata) di Halloween – il “carnevale macabro” in programma nella notte tra il 31 ottobre e il primo novembre – prende sempre più piede in Italia. E si tratta di una moda che alla chiesa non è mai andata giù. Anche in Emilia-Romagna sono diverse, e potenti, le voci che in questi giorni – dedicati per la chiesa cattolica alla commemorazione dei santi e dei defunti – si levano contro quella che alcuni preti esorcisti non esitano a definire “festa satanista”.halloween1

Tra tali posizioni non figura quella del neo arcivescovo di Bologna Matteo Maria Zuppi il quale, tuttavia, appena ieri ha partecipato ad un incontro all’Università Europea di Roma dove è stato presentato un libro di don Aldo Bonaiuto, sacerdote della comunità fondata da don Oreste Benzi e coordinatore del Servizio AntiSette della stessa comunità. Eloquenti il titolo e il tema del volume la cui presentazione costituisce la prima uscita pubblica di monsignor Zuppi in qualità di arcivescovo di Bologna designato. “Halloween. Lo scherzetto del diavolo” il titolo dell’opera che mette alla berlina “gli ingannevoli richiami al soprannaturale e all’orrorifico” di una festa cresciuta “grazie a un gran giro di soldi”.  Una macchina commerciale che a detta dell’autore avrebbe “ripaganizzato una festa cristiana. Gli americani oggi spendono quasi sei miliardi di dollari per festeggiare la notte delle streghe e della zucca vuota, ma anche in Italia nel 2010 i commercianti dichiaravano una spesa di circa 400 milioni di euro per la mascherata”.

Strali ancora più pesanti nei confronti di Halloween sono arrivati da Modena. Il sacerdote ed esorcista modenese Gabriele Amorth si è sfogato via facebook sostenendo che “la festa di Halloween è una sorta di seduta spiritica presentata sotto forma di gioco. L’astuzia del demonio sta proprio qui. Se ci fate caso tutto viene presentato sotto forma ludica, innocente. Anche il peccato non è più peccato al mondo d’oggi. Ma tutto viene camuffato sotto forma di esigenza, libertà o piacere personale. L’uomo è diventato il dio di se stesso, esattamente ciò che vuole il demonio”.

keep-calm-and-happy-halloween-6Anche da altre diocesi emiliane non sono mancati anatemi, negli ultimi anni, contro la festa di Halloween. Nel 2012 l’esorcista don Ermes Macchioni della parrocchia di Sassuolo aveva organizzato una contro festa per “fronteggiare la celebrazione del male”.
Due anni fa il vescovo di Reggio Emilia, monsignor Camisasca, aveva ricordato in una durissima nota che “il diffondersi di Halloween mostra che le nostre comunità hanno spesso perduto il senso della festa e anche l’occasione di far festa intorno agli eventi della vita di Gesù e dei santi”. L’anno scorso, infine, il vescovo di Parma monsignor Enrico Solmi aveva tuonato via twitter: “Vogliamo avere Cristo nel cuore e non una candela in una zucca vuota… W la festa dei santi”.
Nulla ad oggi fa pensare che la chiesa emiliana abbia cambiato idea.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.