Home » Archivio della categoria » Interventi

Vanniloqui Quando l’arte e la letteratura precedono (ma anche procedono dalla) la realtà

<i><font color=grey><small>Vanniloqui</small></font></i> <small>Quando l’arte e la letteratura precedono (ma anche procedono dalla) la realtà</small>

Per dare una sbirciata a quanto siamo culturalmente disintegrati di fronte alle cose che, si sa, accadono, basta vedere cosa si è riuscito a fare di alcuni romanzetti e saggetti usciti in tempi recenti e ancor più che recenti che, secondo taluni – e tanti altri fanno finta di no, ma piace loro sbalordirsi – […]

In un sabato del villaggio globale Virus e tecnologia, salute pubblica e Grande Fratello. L’eterno dilemma tra diritto alla privacy e diritto alla sicurezza

<i><font color=grey><small>In un sabato del villaggio globale</small></font></i> <small>Virus e tecnologia, salute pubblica e Grande Fratello. L’eterno dilemma tra diritto alla privacy e diritto alla sicurezza</small>

di ARMANDO STERNIERI Intendevo scrivere una saggio per “Il Sole 24 Ore” ma il mio contatto non è ancora rientrato e non so se sono così simpatico al suo sostituto, che potrebbe non pubblicarmelo. Siccome se mando qualcosa a Gianfranco o a Ciro di sicuro lo mettono online, per evitare di fare una gran fatica […]

Vanniloqui
Infodemia, pur piccina che tu sia…il potere logora chi l’ha

<i><font color=grey><small>Vanniloqui</small></font></i><br> <small>Infodemia, pur piccina che tu sia…il potere logora chi l’ha</small>

Diceva Guicciardini, a proposito del popolo, che è “un animale pazzo, pieno di mille errori, di mille confusione, sanza gusto, sanza deletto, sanza stabilità”. Pronto, secondo Mussolini, a seguire docilmente fino al mattatoio, sua ultima méta, essendo esso bue. Valutazioni certamente poco lusinghiere, dettate forse da un certo grado di spocchia intellettualistica, del tipo che […]

No panic
La strabica percezione del rischio

<i><font color=grey><small>No panic</small></font></i><br> <small>La strabica percezione del rischio</small>

Le analisi disponibili mostrano che la percezione individuale del rischio spesso non corrisponde all’entità reale del rischio, valutata dagli esperti sulla base dei dati reali; la percezione quindi non riflette cosa effettivamente dobbiamo temere. Il caso dei vaccini ne è la dimostrazione e alcune reazioni ingiustificate al rischio associato al Nuovo Coronavirus COVID-19 ne sono […]

Ite, Missa est
Corona del rosario vs coronavirus

<i><font color=grey><small>Ite, Missa est</small></font></i><br> <small>Corona del rosario vs coronavirus</small>

In questo momento segnato da una certa inevitabile confusione, desidero far giungere a tutti voi il pensiero e le preoccupazioni del Vescovo che, come un padre, partecipa delle ansie di tutti i suoi figli. Da dove viene il coronavirus? Dal cuore della Cina, non certo dal cuore di Dio. Ma è anche vero che Dio […]

Echinococcosi
Parasite non merita un posto nella storia del cinema

<i><font color=grey><small>Echinococcosi</small></font></i><br> <small>Parasite non merita un posto nella storia del cinema</small>

A quando il Nobel della letteratura a Fabio Volo e il Pallone d’Oro a Francesco Magnanelli? Se a “Parasite” – il nuovo fenomeno sudcoreano della cinematografia mondiale – viene concesso l’onore e l’onere di battere nella corsa agli Oscar film come “C’era una volta a Hollywood” e “Joker”…beh, allora è un po’ tutto valido. Gli […]

Vanniloqui
Scusi c’è Bugo? Fenomenologia e fenotipologia sanremesi

<i><font color=grey><small>Vanniloqui</small></font></i><br> <small>Scusi c’è Bugo? Fenomenologia e fenotipologia sanremesi</small>

A furor di popolo ed a fiorir di populismo, torna il “nostro” Carlo Vanni, inviato stanziale a Sanremo (ed a Sanromolo, nel senso che se l’è pappato come tutti dal comodo divano di casa): uno sforzo contronatura per deliziare i nostri lettori generalisti con la sua penna intinta nel veleno dell’indignazione e della frustrazione e smascherare così tutti i luoghi comuni della kermesse più inutile, e proprio per questo più amata, d’Italia. ““In generale quando una cosa diventa utile cessa di essere bella”, diceva Théophile Gautier

Culturismo
Gli Ariosteschi della tavola rotonda della conoscenza: alla cerca di un Santo Graal identitario

<i><font color=grey><small>Culturismo</small></font></i><br> <small>Gli Ariosteschi della tavola rotonda della conoscenza: alla cerca di un Santo Graal identitario</small>

Siamo circondati. Da ex ducati, ex città-stato assai in auge all’epoca dei Comuni, capitali dell’università mondiale e via digradando. Che sono state molto di più e dunque offrono molto di più. Logico che ci si debba aggrappare anche con le unghie ad un qualsiasi elemento che ci restituisca un’aurea di identità cittadina, concetto molto vituperato […]

Sipario
Addio ad Elio Canova, gentiluomo colto e pacato

<i><font color=grey><small>Sipario</small></font></i><br> <small>Addio ad Elio Canova, gentiluomo colto e pacato</small>

Elio Canova era un gentiluomo: colto, pacato, con quell’amore e quella dedizione per la cosa pubblica che – nei vari ruoli da lui incarnati: dirigente politico e cooperativo, amministratore, presidente della principale istituzione culturale della città – contraddistinguono i migliori civil servant del nostro Paese. Elio Canova apparteneva ad una generazione di donne e di […]

Cin cin
Tra un bicchiere di moscato e un taccuino “pocciato”, in 60 àmbiti la città ho sezionato

<i><font color=grey><small>Cin cin</small></font></i><br> <small>Tra un bicchiere di moscato e un taccuino “pocciato”, in 60 àmbiti la città ho sezionato</small>

Capodanno fatto di liste incomprensibili, tra penne che sbavano e scrittura ‘pocciata’. Per me sono però chiare: ho diviso la città in una sessantina di ambiti e ho riassunto tutte le cose che mi avete chiesto e che in effetti vanno fatte, integrandole con quelle che abbiamo in programma. Capodanno di elenchi scritti, sorseggiando un […]

Pagina 1 di 128123Avanti ›Ultima »