Home » Articoli scritti da Pierluigi Castagnetti (Pagina 3)

Morte Kohl: ho il cuore pieno di tristezza

Morte Kohl: ho il cuore pieno di tristezza

La morte di Helmut Kohl mi riempie il cuore di tristezza. Insieme a Mitterand è stato il padre dell’Europa contemporanea. Un gigante sotto tutti i profili. Ricordo quando uscendo dall’ospedale di Monza dove era ricoverato gravissimo uno dei suoi figli, dopo un incidente, lodó il sistema sanitario italiano: “non so se da noi sarebbero stati […]

Proporzionale: bravo Veltroni ma anche…

Proporzionale: bravo Veltroni ma anche…

L’intervista al Corriere.it di Walter Veltroni sul rischio di ritorno agli anni ottanta con una legge puramente proporzionale (non è il modello tedesco!) la condivido totalmente. Precipitare indietro di trent’anni è assurdo e si può ancora evitare. Si continui a cercare e a trattare. Questo Paese ha bisogno di essere governato, eccome! Sin da subito […]

Un po’ di storia patria…

Un po’ di storia patria…

Nel 1959, il 16 marzo (esattamente lo stesso giorno, 19 anni prima, del rapimento) Aldo Moro viene eletto segretario della Dc, dopo le dimissioni di Fanfani (era stato contemporaneamente segretario del partito, presidente del Consiglio e ministro degli Esteri). Uomo apparentemente “debole, di salute cagionevole e dunque figura non particolarmente decisiva” secondo il dipartimento di […]

Quadro politico: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo…

Quadro politico: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo…

Non sono tra i tifosi delle elezioni subito, ma prendo atto che le pretendono il M5S, la Lega e FdI. Prendo atto ancora che dopo la sentenza della Corte la legislatura è di fatto finita e, con gli enormi problemi che il quadro mondiale, quello europeo e quello nazionale ci consegnano, il paese non sopporterebbe […]

Fidel Castro: il bilancio lasciatelo a Dio

Fidel Castro: il bilancio lasciatelo a Dio

È stato speranza (la rivoluzione) e dolore (la dittatura). Il bilancio finale lo farà solo Dio. Attorno alla sua Cuba più di 50 anni fa ha ruotato la storia del mondo, nel senso che il mondo intero ha rischiato la sua storia. Ancora tutto non è stato detto al riguardo: penso ad esempio al ruolo […]

Se vince il sì…

Se vince il sì…

I giornali di oggi sono pieni di articoli sinceramente incomprensibili. “Se vince il Si…”. Ma come? Tutti i sondaggi parlano della vittoria del No, e loro, quelli del No, parlano della vittoria del Si! Viene voglia di pensare che siano proprio loro i primi a spaventarsi di una loro possibile vittoria (con qualche ragione). Il […]

La rottamazione di Renzi ci eviterà “l’effetto Trump”

La rottamazione di Renzi ci eviterà “l’effetto Trump”

Le diagnosi del malessere dei popoli di tutto il mondo occidentale nell’era e a causa della globalizzazione (migranti, posti di lavoro distrutti dalle nuove tecnologie, insicurezze varie) ormai si sprecano. Meno le prognosi e, in un certo senso, è un bene, quantomeno è sintomo di riflessione e di non improvvisazione. Che i movimenti populistici raccolgano […]

Elezioni: America divisa come l’Italia al referendum

Elezioni: America divisa come l’Italia al referendum

Finalmente una buona notizia dagli USA : Hilary è stata scagionata. Purtroppo in Florida e in tanti altri Stati importanti 30 milioni di americani hanno già votato. Speriamo bene. Colpisce però la profonda spaccatura della società americana, simile a quanto è già avvenuto anche nella nostra campagna referendaria. Le divisioni sono vissute con astio, spesso […]

Siamo vecchi, chi ce lo fa fare?

Siamo vecchi, chi ce lo fa fare?

Stasera ho potuto vedere un pezzo di un dibattito referendario in cui parlava il prof. Onida. Non condivido la sua posizione, ma le sue parole mi hanno offerto più di una suggestione. Una in particolare, apparentemente fuori tema. Mi sono detto infatti: lui ha 80 anni, io una decina in meno, siamo entrambi vecchi. Chi […]

Un terremoto che ci appartiene di più

Un terremoto che ci appartiene di più

Quelle immagini dal terremoto sono entrate nell’anima di tutti gli italiani. Questa volta per fortuna non ci sono vittime umane. Sono morti soltanto i luoghi, i monumenti, le abitazioni, le aziende, tutto il paesaggio. Alle 7,41 di ieri mattina un segno, irrilevante, di quel sommovimento della terra me lo sono trovato anche in casa mia […]