HomeAttualitàUn Patrono sì vax

Un Patrono sì vax

Dopo lo stop del 2020 imposto da una pandemia ancora molto aggressiva, torna quest’anno – mercoledì 24 novembre – la festa di San Prospero, con un programma vicino agli standard consueti e arricchito da novità storico-culturali assolute, come le visite guidate alla Torre campanaria cinquecentesca e al Tesoro della Basilica.

L’appuntamento tradizionale più amato dell’autunno a Reggio Emilia, che si realizza grazie a un’organizzazione complessa dettata dalle norme di prevenzione anti-Covid, accendrà le vie e le piazze del centro storico, con il mercato a cielo aperto e le opere di artigianato, le proposte culturali, le attività promosse dalle associazioni benefiche, accanto alle celebrazioni liturgiche, a cominciare dalla messa solenne nella Basilica del patrono, presieduta dal vescovo Massimo Camisasca.

Nell’organizzazione della festa, oltre al Comune di Reggio Emilia, sono coinvolti la Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla e i custodi della Basilica di San Prospero, le istituzioni e organizzazioni culturali e del commercio, la Protezione civile e le Forse dell’ordine.

IN BASILICA – La giornata del 24 novembre si aprirà alle ore 10 con il concerto di campane a cura dell’associazione Campanari reggiani. La messa solenne, celebrata nella Basilica di San Prospero e presieduta dal vescovo di Reggio Emilia–Guastalla, Massimo Camisasca, si terrà alle 11, alle presenza del sindaco Luca Vecchi e delle altre autorità cittadine, militari e del gonfalone della città.

IL MERCATO – Quest’anno l’offerta commerciale tornerà ad essere ampia e variegata, con l’allestimento di circa 200 banchi vendita fra le vie e le piazze del centro storico.

Anche le Associazioni di via si occuperanno dell’animazione della città: grazie all’impegno dell’Ati Santo Stefano 2.0 sarà organizzato il mercato su via Emilia Santo Stefano, mentre l’Ati Viaromaviva si estenderà da via Roma a Via Emilia San Pietro.

In piazza Martiri del 7 Luglio e piazza della Vittoria sotto il porticato dell’Isolato San Rocco saranno presenti i banchetti del Circolo degli Artisti, che proporranno le opere dell’ingegno.

I duellanti alla segreteria del Pd, Emanuele Cavallaro, sindaco di Rubiera e Massimo Gazza, ex sindaco di Boretto, entrambi vaccinisti e sanprosperisti convinti

LE INIZIATIVE DELLA GIORNATA – Le iniziative di beneficenza avranno ampio spazio in piazza Fontanesi, per sensibilizzare la cittadinanza sugli impegni e i progetti in favore di realtà sociali, scuole, parrocchie e associazioni di volontariato.

La Biblioteca Panizzi rimarrà aperta al pubblico dalle 10 alle 13 e, per i più piccoli, nella Sezione ragazzi verranno organizzate le letture “Un autunno pieno di libri”, a cura dei volontari Nati per Leggere e Nati per la Musica. L’incontro è dedicato a bambine e bambini dai 3 anni e la prenotazione è obbligatoria.

Nel pomeriggio, dalle 14 alle 17, saranno previste le visite guidate alla Cappella del Tesoro e alla Torre di San Prospero, completamente restaurata e inaugurata il 24 novembre dello scorso anno. Accompagneranno i visitatori i volontari dell’associazione Città di Reggio.

Le Pro Loco dell’Appennino reggiano torneranno in piazza San Prospero per offrire a tutti i prodotti tradizionali dell’autunno: ci saranno caldarroste, miele, vin brulè, castagnaccio, nocciole, funghi, tortellini di castagne e tutte le altre gustose specialità stagionali.

In serata, presso la Casa delle Storie di via Beretti, si terrà lo spettacolo “Aršân”, organizzato dal Teatro dell’Orsa e ispirato al libro “Aršân – Testi Quedri / Square Heads” di Luciano Pantaleoni.

Presto vedremo sugli altari, canonizzato, quest’altro Santo, arricchendo così la già nutrita agiografia

NORME ANTI-COVID – Come per gli altri eventi organizzati quest’anno, anche la festa di San Prospero sarà sottoposta alle limitazioni e alle prescrizioni previste per fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso. Nell’area interessata, i banchi e gli stand saranno collocati in modo da consentire il corretto distanziamento di sicurezza e il rispetto delle disposizioni anti-Covid.

Per accedere alle aree in cui saranno previsti banchi e attività, sarà necessario possedere la certificazione verde Covid-19 e sarà attivo l’obbligo della mascherina. Le forze dell’ordine, come da normativa vigente, effettueranno controlli a campione all’interno dell’area.

Coadiuveranno il lavoro delle forze dell’ordine 35 volontari della protezione civile, oltre a 10 operatori che presidieranno alcuni accessi.

Con un’apposita ordinanza, è previsto il divieto di vendita di abbigliamento e calzature usate.

MASCHERINA OBBLIGATORIA: LE AREE INTERESSATE – Nella giornata del 24 novembre, per tutto il giorno (orario 0-24), sarà obbligatorio indossare la mascherina a protezione delle vie respiratorie per tutti coloro che si trovano a transitare e/o sostare, a piedi o in bicicletta, nelle seguenti zone del Centro Storico, ove si svolgono le attività legate alla festa del patrono: via Emilia Santo Stefano; piazza Gioberti; corso Garibaldi; piazza Roversi; piazza della Vittoria; piazza Martiri del 7 Luglio; piazza Fontanesi; via San Carlo; piazza Prampolini; piazza San Prospero; via Roma, via Emilia San Pietro.

Nessun commento

lascia un commento