HomeAttualitàSocietà reggiana: poveri raddoppiati e giovani in fuga all’estero

Società reggiana: poveri raddoppiati e giovani in fuga all’estero

“Fuga da Reggio Emilia?”. E’ questo il titolo più provocatorio tra i tanti contenuti nel Rapporto sulla coesione sociale a Reggio Emilia realizzato dall’Osservatorio Economia, Coesione sociale e Legalità della Camera di Commercio, e realizzato dal sociologo Gino Mazzoli.

“Abbiamo un export invidiabile, un capitale sociale (organizzazioni del terzo settore e volontari) molto consistente, eppure – dice Mazzoli – la “fuga dei cervelli”, le rimesse degli immigrati in calo verticale, i “quasi poveri” (14.000) raddoppiati in tre anni, i 70.000 lavoratori vulnerabili (34.000 disoccupati e 35.800 fruitori di ammortizzatori sociali)  l’esplosione degli sfratti (passati dai 543 del 2001 ai 2.800 del 2013) e il 50% di pensionati poveri (il 54% è sotto la soglia dei 750 euro al mese) inducono a pensare che la nostra provincia, oltre a perdere attrattiva, stia producendo fenomeni di ritiro e di fuga”.

Quello che il Rapporto sulla coesione sociale presenta è comunque sicuramente un territorio che soffre demograficamente (-1.000 abitanti nel 2014, e solo 133 bambini in più in un decennio), per la situazione delle famiglie (70.000 quelle composte da una sola persona e un reddito tornato ai livelli del 2004), per l’aumento dei giovani che non studiano nè lavorano (il 15,4%  dei reggiani tra i 15 e i 24 anni), per un’economia che guadagna posizioni nella classifica della competitività (5° posto in Italia, migliorando di 26 posizioni tra le province Italiane rispetto al 2010) e delle esportazioni (quasi 9 miliardi nel 2014), ma che tra il 208 e il 2014 ha visto un aumento dei disoccupati pari a 18.400 unità).

Una situazione complessiva, quella rivelata dal Rapporto sulla coesione sociale, a fronte della quale, e pur senza allarme, “oggi occorre – afferma il presidente della Camera di Commercio, Stefano Landi – un’azione congiunta di intensità inedita da parte delle forze politiche e sociali, degli operatori economici e delle istituzioni, per rilanciare Reggio Emilia non banalmente come la città dei primati in una società complessivamente in crisi, ma come un territorio in cui la coesione è valore ed è azione, è principio fondativo ed obiettivo da ricercare costantemente.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.