HomeAttualitàSere lunghe e ben distese: raffica di richieste al comune per le apericene all’aperto da parte dei ristoratori reggiani in vista dell’estate

Sere lunghe e ben distese: raffica di richieste al comune per le apericene all’aperto da parte dei ristoratori reggiani in vista dell’estate

La recente decisione del governo di riaprire bar e ristoranti dal 26 aprile in zona gialla, ma con tavoli solo all’esterno, ha spinto numerosi baristi e ristoratori di Reggio Emilia a presentare all’Amministrazione comunale domanda di apertura e/o allargamento delle distese. L’interesse e le relative richieste si sono innescati la scorsa settimana, quindi prima della necessaria formalizzazione del quadro normativo, con le dichiarazioni del governo che hanno preceduto l’emanazione del decreto Riaperture, e sono andate crescendo da giovedì scorso, con la pubblicazione dello stesso decreto.

Dica, anzi faccia 33! Dario De Lucia, il vulcanico consigliere comunale fuoriuscito dal Pd nonché assertore dei diritti civili come nessuno, allo scoccare della mezzanotte si autoposta su facebook per il suo compleanno. Gli giungano almeno i più sentiti auguri di 7per24

D’altro canto, molti gestori, che non avevano ancora presentato domanda per le distese – attendendo comprensibilmente l’evoluzione della situazione pandemica e le modalità di riapertura – si sono immediatamente attivati, chiedendo informazioni e presentando un consistente numero di domande quasi contemporaneamente.

Il Comune ha costituito perciò una rete operativa dedicata – costituita da tecnici del Commercio, della Mobilità e della Polizia locale – per svolgere con rapidità sopralluoghi, valutazioni tecniche sugli spazi e sulla praticabilità delle distese in relazione alle caratteristiche degli stessi spazi richiesti e alla sicurezza anche stradale, analisi delle domande e rilascio delle autorizzazioni.

Ad oggi, nell’arco di pochi giorni è stato rilasciato un centinaio di autorizzazioni, altre decine sono in corso di ricezione e valutazione.

“Sono numerose le richieste arrivate – spiega l’assessora a Commercio e Centro storico Mariafrancesca Sidoli – e prevediamo che molte ancora ne arriveranno, come comprensibile quale reazione alla fase complessa che attraversiamo. L’Amministrazione si è attrezzata e sta rispondendo alla nuova situazione con la massima disponibilità: sia con attenzione alle diverse e nuove esigenze, sia con le necessarie verifiche”.

Il Comune sta perciò accompagnando questa fase graduale di riavvio delle attività di ristoranti e bar, semplificando le procedure, valutando con sopralluoghi tecnici specifici le singole richieste e mettendo in campo soluzioni mirate, come l’occupazione temporanea di posti per la sosta auto.

PIANO COMPLESSIVO VERSO L’ESTATE – Allo stesso tempo, con lo stesso metodo di lavoro integrato fra diversi servizi comunali, è in via di definizione un piano complessivo di interventi volti a regolare il sistema di vita in centro storico nel periodo estivo, con prevedibili riaperture serali dei locali. Un piano che permetta una fruibilità degli spazi ordinata e nel rispetto delle regole, con il senso di responsabilità e le cautele ancora necessarie, e al tempo stesso consenta una valorizzazione degli spazi per le persone e una accessibilità sostenibile al centro storico.

“Crediamo che questa fase di riaperture – dice l’assessora alle Politiche per la Sostenibilità, Carlotta Bonvicini – possa essere una grande occasione per lavorare su una strategia complessiva per l’accessibilità e la vivibilità del centro storico. Da un lato si vuole agevolare la fruizione dello spazio pubblico e quindi aiutare anche gli esercizi commerciali e di ristorazione, creando spazi sempre più confortevoli per gli utenti e le famiglie; dall’altro si mira a tutelare la funzionalità degli ambiti residenziali, lavorando su permessi e spazi di sosta dedicata”.

“E’ nostra intenzione – conclude l’assessora Mariafrancesca Sidoli – andare incontro ai titolari dei locali e attenuare, per quanto possibile, la diseguaglianza di trattamento fra esercizi, cioè tra chi ha la possibilità di utilizzare uno spazio esterno e chi questa possibilità non ce l’ha, tenendo in considerazione nello stesso tempo le esigenze dei residenti che hanno pari diritto al riposo e al decoro degli spazi”.

Nessun commento

lascia un commento