School of Rock: nuova edizione dell’annuario scolastico provinciale. Calano gli iscritti

Una “provocatoria” Wonder Woman mima il gesto delle manette…

Anche quest’anno si tirano le somme per quanto riguarda il quadro conoscitivo del sistema scolastico provinciale, pubblicato nell’Annuario della scuola reggiana che, con cadenza annuale, riporta all’attenzione delle istituzioni e delle scuole i dati relativi all’istruzione nella nostra città. Diminuzione del numero complessivo degli studenti, maggioranza di iscrizione nei licei, miglioramento dei risultati scolastici nelle scuole medie e superiori, incremento di alunni stranieri, di ragazzi disabili e di studenti con disturbi specifici dell’apprendimento sono tra i dati che risaltano maggiormente dalla pubblicazione.

L’Annuario è a disposizione del mondo della scuola e dell’istruzione da ormai venticinque anni, grazie all’impegno che la Provincia di Reggio Emilia, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale – Ufficio XI – Reggio Emilia ha dedicato al progetto.

I dati sono stati raccolti da Luciano Bonacini e Silvia Ballabeni, curatori dell’Annuario e presenti alla conferenza stampa che si è tenuta presso Palazzo Allende, insieme a Giorgio Zanni, presidente della Provincia di Reggio Emilia, Ilenia Malavasi, vicepresidente della Provincia di Reggio con delega all’Istruzione, Luciano Rondanini, Dirigente tecnico Miur, Mario Maria Nanni, dirigente dell’Ufficio scolastico regionale, Ufficio XI, Reggio Emilia, Anna Campeol, dirigente del Servizio Programmazione scolastica della Provincia, Nadia Castagnetti e Luciano Rondanini, autori della pubblicazione che è stata realizzata per celebrare i primi  25 anni di Annuario.

Un momento della conferenza stampa di presentazione dell’Annuario della scuola reggiana

Durante la conferenza stampa non si è mancato di considerare anche il caso del bambino diabetico respinto da un asilo pubblico dell’Appennino, poi accolto da una scuola privata parrocchiale. “La scuola ha fatto quello che doveva fare dedicando comunque attenzione a questo bambino – ha affermato Mario Maria Nanni -, ma il contesto normativo è tale per cui la volontarietà delle persone non può essere coartata”. “Questa vicenda necessita non solo di una lettura normativa, ma anche politica, legata al diritto alla salute e all’educazione che sono diritti costituenti – ha continuato Ilenia Malavasi -. La scuola è un sistema ed occorre una riflessione comune, coinvolgendo anche il comparto socio-sanitario, per trovare tutti insieme una soluzione. Non si può accettare che un bambino non possa essere accolto dalla scuola in base a una patologia”.

“Occorre una presa  di coscienza politica da parte delle istituzioni per trovare un’intesa in grado di rispettare il ruolo del personale scolastico e di metterci nelle condizioni di garantire un diritto fondamentale – ha detto il presidente della Provincia Giorgio Zanni che, d’intesa con il dirigente scolastico, ha quindi annunciato l’apertura di un tavolo di confronto che coinvolga anche l’Azienda Usl – E’ un impegno forte che intendiamo assumerci tutti insieme: la problematica è complessa ma, se occorrerà un intervento legislativo, lo richiederemo”. In conclusione, la Provincia di Reggio Emilia convocherà a breve l’Ufficio scolastico (ex Provveditorato agli studi) e Azienda Usl per cercare una soluzione alle problematiche legate alla somministrazione di farmaci in orario e in ambito scolastici.

Nel particolare, dunque, i dati registrano un complessivo calo della popolazione scolastica: il numero degli studenti reggiani si attesta a 81.868 unità, 287 alunni in meno rispetto all’anno scolastico 2017/2018, una flessione giunta al sesto anno consecutivo. Anche nel segmento 0-6 anni si conferma un calo di iscritti, che passano da 4.262 a 4.216 nei servizi per la prima infanzia, e da 13.649 a 13.311 nella scuola dell’infanzia. Nelle scuole statali, la scuola primaria registra una diminuzione dell’1,5%, mentre nella scuola secondaria di I grado e di II grado si è rilevato un aumento rispettivamente dello 0,5% e dell’1,6%.
Per quanto riguarda la scelta delle scuole superiori, nel 2018/2019 gli iscritti alle prime classi nell’area liceale risultano il 38,6% (+0,5%), segue l’area tecnica, che si attesta al 33,2% (-0,3%), infine quella professionale, i cui iscritti sono il 28,2% (-0,2%).

Il sistema scolastico reggiano si conferma come inclusivo ed accogliente, grazie all’attenzione per il sociale e al continuo miglioramento tanto delle infrastrutture quanto della formazione che la città di Reggio Emilia continua a mettere in primo piano. Quest’anno è in leggero aumento rispetto all’anno scolastico precedente la presenza di alunni stranieri sul totale della popolazione scolastica delle scuole statali, pari al 16,2%, di cui il 68,9% sono nati in Italia. Anche la presenza di alunni disabili nelle scuole statali reggiane si conferma rilevante (il 4% sul totale degli alunni) ed è un dato in continua crescita nella scuola secondaria di II grado, a riprova della positiva tendenza al prolungamento degli studi.

Sono, infine, migliorati i risultati scolastici del 2017/2018 nelle scuole medie rispetto allo scorso anno: la percentuale di alunni respinti è calata dal 2,3% all’1,9%. Anche nelle scuole superiori i risultati complessivi sono migliorati rispetto all’anno scolastico precedente: la percentuale di alunni respinti è dell’11,4% (-1,1% rispetto all’anno prima); nel primo biennio, è al 15,6% (-2,2%), nel triennio è stabile al 7,8%.
Una sezione della pubblicazione dell’Annuario è inoltre dedicata ad un focus sugli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento. La percentuale di alunni certificati con Dsa nell’anno scolastico 2017/2018 è complessivamente del 4,8% (3.737 unità) ed è quasi il doppio di quella nazionale (2,94%).

In concomitanza con la pubblicazione della venticinquesima edizione dell’Annuario della scuola reggiana, la Provincia di Reggio e Ufficio Scolastico Regionale – Ufficio XI – Reggio Emilia hanno collaborato alla stesura di un compendio che offre un quadro informativo dei fenomeni che hanno caratterizzato la scuola e la comunità reggiana negli ultimi venticinque anni, dal 1994 al 2019. L’Annuario viene distribuito gratuitamente alle strutture d’istruzione del territorio provinciale e regionale, ed è disponibile anche in formato elettronico sul sito della Provincia di Reggio Emilia nella sezione “Scuola e Università”.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS