HomeAttualitàSanità privata, 350 lavoratori reggiani oggi a Roma per protestare contro i ritardi nella ratifica del rinnovo del contratto nazionale

Sanità privata, 350 lavoratori reggiani oggi a Roma per protestare contro i ritardi nella ratifica del rinnovo del contratto nazionale

Grande soddisfazione per la raggiunta “preintesa”, poco meno di due mesi fa. Poi la delusione per i ritardi sul via libera definitivo

“Questo è un ulteriore danno a lavoratori della sanità privata, che durante l’emergenza Covid sono stati definiti unanimemente eroi, mentre ora vengono, ancora una volta, umiliati e danneggiati”, così commenta Fabio Bertoia, segretario generale Fp Cisl Emilia Centrale con riferimento alla mancata ratifica da parte dell’Associazione religiosa istituti socio-sanitari (Aris) e l’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) del rinnovo del contratto nazionale di lavoro della sanità privata. Per questo le categorie di Fp Cgil, Cisl Funzione pubblica e Uil Fpl hanno promosso per oggi, 5 agosto, un presidio di protesta a Roma. Il motivo è la mancata firma definitiva sulla preintesa del contratto, sottoscritta il 10 giugno.

A Reggio Emilia sono interessati i lavoratori delle strutture sanitarie, accreditate e non con il Servizio sanitario nazionale: Villa Verde, Villa Salus, Centro Medico Privato L. Spallanzani, Casa Madonna dell’Uliveto. Si tratta di 350 addetti complessivi tra infermieri e personale tecnico-sanitario, operatori socio-sanitari, amministrativi (è esclusa la dirigenza medica).

«Dopo 14 anni di mancato rinnovo, tre anni di trattativa e una preintesa molto sofferta – dettaglia Cristian Villani, sindacalista della Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale – Aiop e Aris si sono sottratte alla firma definitiva. È un danno che riguarda oggi lo stipendio e domani la futura pensione. È evidente che serva un intervento della Regione, alla quale chiederemo una revisione degli accreditamenti. Continuiamo la nostra rivendicazione per chi svolgendo lo stesso lavoro del pubblico merita il medesimo salario».

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.