HomeAttualitàPsichedelie dallo spazio profondo: silenzio, “suona” Alfan

Psichedelie dallo spazio profondo: silenzio, “suona” Alfan

L’Elfo Ronnie col suo “manager”, il giornalista Alessandro Bettelli

L’appuntamento con la “disarmonia celeste” è per giovedì 6 ottobre dalle 20.45 al Chiostro della Ghiara. Quando l’Elfo Ronnie, in arte Alfan, storico ideatore ed animatore di locali esotici e vagamente esoterici reggiani, cercherà di destrutturare l’armonia classica proponendo un concerto di “silenzi, pause, intervalli, sospiri” e speriamo non mormorii del pubblico presente. Che avrà comunque poco da mormorare perché la performance è gratuita.

Durante la visionaria esperienza in Ghiara con l’Elfo Ronnie, non si esclude un collegamento con Astrosamantha dalla Stazione Spaziale Internazionale

Definisce la sua musica “millenaria”, ovvero medievale, rinascimentale e madrigalista e rifiuta le gabbie tradizionali cui l’evoluzione del pentagramma avrebbe costretto la “composizione primaria”. Quella composizione che Ronnie cercherà di liberare e far librare dal vivo con uno show che si annuncia imperdibile anche perché difficilmente ripetibile. Un’esperienza onirica, psichedelica, sciamanica, per certi versi aliena, che trae ispirazione dalle avanguardie degli anni ’70 e si proietta lassù negli spazi profondi del cosmo dove osano le Astrosamanthe.

Ultimo commento

  • IMPERDIBILE, DOPO IL LIGA