HomeAttualitàPm10, Folli propone le targhe alterne “a oltranza”

Pm10, Folli propone le targhe alterne “a oltranza”

Targhe alterne a oltranza. Sta già scatenando un putiferio la proposta presentata oggi in Regione dall’assessore all’Ambiente di Parma Gabriele Folli per arginare l’annoso problema delle polveri sottili.

Oggi Folli ha partecipato al tavolo di aggiornamento in Regione, sollecitato in occasione dei ripetuti sforamenti di fine anno e volto a riconsiderare le misure di emergenza attuate fino ad oggi con l’Accordo sulla qualità dell’aria. Era presente anche l’assessore regionale ai trasporti Alfredo Peri, insieme ai tecnici della Regione.

Gli assessori delle città emiliane hanno condiviso l’opinione che le misure attuate in questi anni (chiusure programmate invernali il giovedì e alcune domeniche) vadano riviste e sostituite da interventi più efficaci. Folli ha proposto la circolazione a targhe alterne ad oltranza fino al rientro nei limiti di legge una volta superato il numero di sette sforamenti consecutivi. Misura che, sempre secondo Folli, andrebbe estesa a tutta l’area vasta e non limitarsi al Comune dove si verificano gli sforamenti.

Ed è su questo che si stanno scatenando i commenti in rete e fuori. Soprattutto da parte di quanti già contestano i blocchi della domenica e del giovedì, l’estensione agli Euro 4 e i varchi elettronici. In prima linea associazioni di commercianti come l’Ascom, che due giorni fa ha presentato una serie di proposte alternative allo scopo di riaprire il centro alle auto.

“Come Comune di Parma – ha spiegato Folli – fin dall’inizio del mandato abbiamo dato il nostro contributo per ridurre le emissioni inquinanti del nostro territorio, con l’incremento delle limitazioni fino agli Euro 4 e con la riduzione di un grado del riscaldamento, misure che poi hanno in parte seguito anche altri Comuni come Bologna e Rimini. Ci rendiamo conto però che occorre anche voltare pagina per misure di emergenza più efficaci e maggiormente comprensibili dai cittadini, e confidiamo che dal tavolo tecnico in Regione a cui parteciperemo si trovino soluzioni migliorative”.

Infine l’assessore interviene proprio sulle proposte presentate oggi da Ascom: “Le ho lette con attenzione e le trovo in gran parte condivisibili. Confermo che l’impegno dell’amministrazione sta andando nella direzione da loro auspicata di favorire mobilità sostenibile e una maggiore efficienza energetica, anche se non mi trovo d’accordo nella loro valutazione di sottostimare l’apporto del traffico urbano che in realtà nel nostro contesto è sicuramente uno dei maggiori fattori di inquinamento”.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.