HomeAttualitàNoio volevam savoir…approvato il nuovo regolamento di polizia urbana per il decoro pubblico

Noio volevam savoir…approvato il nuovo regolamento di polizia urbana per il decoro pubblico

I Vessicchio brothers…Marco Barbieri col maestro Peppe

E’ stato approvato all’unanimità, in Consiglio comunale, all’unanimità, il nuovo Regolamento di Polizia urbana e per la civile convivenza: un documento di 27 articoli che, tra le novità, introduce la possibilità d’applicare l’ordine d’allontanamento di 48 ore, previsto dalla Legge Minniti, a coloro che impediscono l’accessibilità o la fruizione di aree urbane nei pressi di scuole, plessi scolastici, musei, complessi monumentali o luoghi della cultura interessati da consistenti flussi turistici o anche aree adibite a verde pubblico.

L’elenco dei comportamenti che costituiscono le condotte sanzionabili comprende il bivaccare su suolo pubblico, l’accattonaggio molesto, il contrattare prestazioni sessuali, anche adescando clienti o nell’ostacolare, anche in gruppo, l’accesso a edifici pubblici o privati. L’ordine di allontanamento si applica anche per i reati di ubriachezza molesta, atti contrari alla pubblica decenza, commercio abusivo su aree pubbliche o guardamacchine e parcheggiatori abusivi.

Il Regolamento – ha spiegato l’assessore alla Sicurezza Natalia Maramotti – “raccoglie e configura le norme, le regole e i principi volti a promuovere e a tutelare la legalità e il rispetto della qualità urbana, a garantire la sicurezza urbana, nonché prevenire e contrastare fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, ad affermare più elevati livelli di coesione sociale e serena convivenza civile, promuovendo l’inclusione, la protezione e la solidarietà sociale, mediante azioni e progetti per l’eliminazione di fattori di marginalità”.

Il testo ha ricevuto il via libera del Consiglio comunale – dicevamo – all’unanimità. Apprezzamenti sono arrivati dai banchi dell’opposizione con il capogruppo di Forza Italia, Claudio Bassi che ha parlato di un “buon regolamento”. Voto favorevole anche da Alleanza Civica che, per voce di Cinzia Rubertelli, ha chiesto un “resoconto sull’applicazione del Regolamento”, vale a dire “sulle sanzioni, sui controlli effettuati e sugli uomini della Municipale impiegati” in questa attività. La capogruppo civica, partendo dal presupposto che tanti divieti contenuti nel Regolamento vengono oggi disattesi, ha chiesto all’Amministrazione comunale che cosa intende fare per garantire il rispetto delle regole e sanzionare i soggetti che trasgrediscono. Per la Rubertelli la strada è una sola, ovvero “pensare a una riorganizzazione dell’intera macchina comunale per liberare la Polizia Municipale dalle mansioni puramente amministrative e potenziare il presidio del territorio. Vorremmo vedere meno agenti dietro la scrivania. Perché se il Regolamento, una volta deliberato, non viene poi fatto rispettare, rischia di diventare una mera enunciazione di buoni principi. Da tempo, inoltre, sosteniamo che ci vogliono maggiori risorse sulla sicurezza”.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.