HomeAttualitàManifestanti occupano per tre ore l’inceneritore di Parma

Manifestanti occupano per tre ore l’inceneritore di Parma

Occupato, per circa tre ore, l’inceneritore di Parma. E’ successo questa mattina, poco dopo le 10, quando circa un centinaio di manifestanti vestiti con tute bianche e mascherine si sono introdotti all’interno del sito di Ugozzolo, superando senza difficoltà l’ingresso. Quindi hanno creato una barriera con il materiale trovato bel cantiere intorno all’inceneritore e hanno bloccato l’ingresso ai camion che portano i rifiuti all’interno del Paip. Una quarantina di manifestanti si è introdotta nella rampa di accesso che porta all’interno dell’impianto e ha calato dall’alto, proprio dietro al camino, uno striscione con la scritta “No inceneritori”.

I manifestanti fanno parte della “Assemblea permanente contro gli inceneritori”, associazione che la scorsa estate aveva anche contestato platealmente il sindaco di Parma Federico Pizzarotti reo di non essere riuscito a fermare la costruzione del forno di Ugozzolo dopo le promesse fatte in campagna elettorale.

La protesta di stamattina arriva, non a caso, pochi giorni prima del 18 novembre – data in cui entrerà a pieno regime il termovalorizzatore – che è acceso da fine giugno in esercizio provvisorio. I promotori dell’occupazione temono anche che il nuovo Piano dei rifiuti regionale, la cui approvazione è prevista entro fine anno, possa permettere in deroga che l’inceneritore di Parma accolga rifiuti anche dal resto della regione e dal Sud Italia.

Un cartello esposto dai manifestanti recitava “Food Valley? Death Valley”, mentre un altro se la prendeva con il governo cittadino: “Inceneritore a 5 Stelle”, dove per ogni stella è rappresentato chi, secondo gli attivisti,  ha sostenuto l’impianto: Movimento 5 stelle, Pd, Pdl, Regione Emilia Romagna e Iren, la multiutility che ha costruito e gestisce l’inceneritore.

Al momento non è ancora stato reso noto da Iren l’ammontare degli eventuali danni creati dai manifestanti con la temporanea occupazione.
Verso le 16, la manifestazione si è spostata nel centro di Parma. Anche lì i manifestanti hanno lanciato slogan contro Pizzarotti e la giunta a 5 Stelle, del tipo: “Anche tu fai parte della casta, ti faremo mangiare la polvere dell’inceneritore“.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.