HomeAttualitàMamma, mi si è sciolta la band: i P38 piagnucolando dicono addio ai propri (sparuti) fan. Avviso di garanzia e mancati cachet provocano lo scioglimento

Mamma, mi si è sciolta la band: i P38 piagnucolando dicono addio ai propri (sparuti) fan. Avviso di garanzia e mancati cachet provocano lo scioglimento

Sul palco leoni, alle prese con la vita quotidiana un po’ meno. La band trap sedicente filobierrina almeno nei testi e nelle motivazioni dello loro canzoni, la famigerata P38 autrice di un concertino di assai dubbio gusto (da un punto di vista di opportunità che da un punto di vista di espressività artistica non c’è alcun dubbio, fanno cascare i cosiddetti…) anche all’Arci Tunnel di Reggio Emilia, deporrà gli strumenti magari, aggiungiamo noi, per darsi ad attività più utili socialmente.

Evidente confuso il mito della rivoluzione (i nostri salotti sono pieni di iper-rivoltosi che vivono in modo turbo-borghese) col ballo delle debuttanti, i ragazzi col cappuccio non hanno psicologicamente retto al primo avviso di garanzia (e che ti devi aspettare se inneggi alle stragi di innocenti?) ed economicamente invece si sono visti saltare diversi appuntamenti (era francamente il minimo) con le rispettive paghette. Insomma i meccanismi capitalistici in cui sguazzano (come tanti Che Guevara nostrani tutti bandiere falce e martello e culo al riparo nei pubblici uffici) hanno prevalso nettamente sugli “ideali” propugnati schitarrando e berciando di palco in palco. 

Resta invece aperta da una parte la vicenda giudiziaria sui presunti reati commessi dai vertici del Tunnel nell’organizzazione dell’evento, dall’altra il braccio di ferro degli stessi con l’Arci provinciale che vorrebbe le dimissioni di chi ha chiamato a suonare, peraltro proprio il giorno della festa del lavoro, l’ormai defunto gruppo. 

Ultimo commento

  • che figura di merda lol