L’editto industriale: le “cinque città” chieste ai candidati da Unindustria per una matrioska urbana

Per l’importanza che esprimono nella regione Emilia Romagna e nel Paese, Reggio Emilia e il suo territorio meritano una politica alta, capace di garantire sia la trasparenza nei processi decisionali, sia la partecipazione.
Chi ambisce al governo del Capoluogo deve farsi portatore dei valori della competenza, del merito e dell’onestà; deve dimostrare reale capacità di ascolto e di confronto con le proposte e le esigenze espresse dalla società civile.
L’impresa è parte imprescindibile della cultura reggiana, di una società aperta e coesa capace di innovare e di produrre ricchezza. L’intero tessuto produttivo Reggiano è un valore inestimabile sul quale, specie in questa fase di transizione verso la quarta rivoluzione industriale, la futura Amministrazione dovrà impegnarsi con decisione per favorire la crescita economica, il progresso sociale, la competitività dell’intero Sistema urbano e la sua attrattività.

L’Associazione degli industriali reggiani intende offrire ai candidati Sindaco al Comune di Reggio Emilia alcune indicazioni sulle iniziative che ritiene indispensabili per attuare quel riposizionamento competitivo del sistema economico e sociale che da tempo anima il confronto e l’impegno degli attori del territorio.
“Cinque città in una sola città” è il titolo evocativo che abbiamo scelto per questo nostro contributo.
Cinque città come metafora per evidenziare cinque diverse dimensioni – economiche-sociali – ciascuna delle quali concorre sinergicamente a definire la città di successo che dobbiamo “sognare” e realizzare.
Cinque punti presentati attraverso un sintetico inquadramento, alla conclusione del quale sono riportate alcune precise richieste rivolte a coloro che si candidano alla guida della città.
La nostra iniziativa nasce dalla consapevolezza che questo rinnovo delle Amministrazioni locali rappresenti un evento particolarmente significativo per due motivi. Il primo, è la necessità di accompagnare l’intero sistema locale nella grande trasformazione in atto. Il secondo, è riferito alla necessità promuovere e consolidare la nuova centralità che Reggio Emilia va acquisendo all’interno dell’area mediopadana.
Se si guarda alle realizzazioni degli ultimi vent’anni, la nostra città non parte certo svantaggiata rispetto altre realtà. Dunque, la vera sfida, non solo per la nuova Amministrazione ma per l’intera Comunità reggiana, è quella di consolidare e rilanciare il successo economico, le performance dell’export, la crescita della locale sede universitaria o, ancora, di promuovere e sostenere la rigenerazione urbana della città e dei suoi quartieri.
Ci aspetta dunque un periodo di intensissimo impegno: come industriali, lo affrontiamo con la consapevolezza di chi ha scelto il rischio d’impresa come luogo della propria vocazione e come strumento che attiva le migliori energie del carattere e dell’intelligenza. Di chi sa di poter fare e, attraverso questo fare, contribuisce al benessere della propria comunità.
Dichiariamo, da subito, che ci aspettiamo molto da chi prenderà le redini dell’amministrazione locale e che vogliamo dare a questa nostra attesa un senso positivo: ci aspettiamo molto perché è possibile fare molto e molto vorremmo fare insieme. Il primo passo è nel confronto: la campagna elettorale può e deve essere il luogo privilegiato, intenso ed emozionante dove pensare al nostro domani. Il nostro augurio è che lo sia veramente.
Fabio Storchi
Presidente Unindustria Reggio Emilia

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS