Lavoro “nero”: crescono le imprese straniere che oggi sono oltre il 15% del totale

Renzoschi

Con una crescita del 26,5% in nove anni, le imprese straniere della provincia di Reggio Emilia sono passate dalle 6.483 del giugno 2011 alle attuali 8.201.

In controtendenza rispetto all’imprenditoria non straniera – in flessione dell’11,1%, considerando anche in questo caso il trend registrato negli ultimi nove anni – la componente estera nell’ambito delle imprese reggiane ha raggiunto così un’incidenza percentuale del 15,2%.

Con il dato di giugno 2019, il nostro territorio, secondo l’analisi dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio su dati Infocamere, conferma il suo primato regionale (la seconda provincia dell’Emilia-Romagna è Bologna con una quota del 12,3%) e la quinta posizione a livello nazionale nella graduatoria delle province con la più alta concentrazione di imprese guidate da stranieri: la media italiana si ferma al 10%.

A guidare la graduatoria dei comparti con la più alta presenza di attività condotte da stranieri è l’edilizia che, con 3.786 aziende, rappresenta il 46,2% del totale, pur continuando a registrare, anche se contenuti, andamenti negativi: rispetto a giugno 2018, il calo osservato in un anno è stato dello 0,4% (-14 unità). Con il segno “meno” anche le imprese manifatturiere che, in un anno, sono passate da 1.211 a 1.200 (-0,9%); concorre alla contrazione del settore la tendenza del comparto relativo all’industria tessile e alla confezione di articoli di abbigliamento (-2,4%), in cui le 683 realtà guidate da stranieri valgono oltre il 50% della presenza nella manifattura.

Alla luce di queste lievi flessioni, l’incremento registrato in provincia di Reggio Emilia dalle attività condotte da imprenditori nati fuori dall’Italia è allora tutto da imputare ai servizi, comparto nel quale operano, a fine giugno 2019, 2.892 aziende straniere (il 35,6% del totale), cresciute di ben 113 unità rispetto allo stesso periodo dell’anno passato (+ 4,1%).

L’andamento positivo del terziario deriva, in larga misura, dall’incremento registrato dal commercio e dai pubblici esercizi. Circa due imprese straniere dei servizi su tre svolgono attività in questi settori, con una presenza che, in un anno, è aumentata, rispettivamente, del 3,7% (nel commercio le aziende sono passate da 1.228 a 1.274) e del 3,1% (le unità presenti nelle attività di alloggio e ristorazione sono salite da 545 a 562).

Fra le attività del terziario – in cui opera il 12,9% delle imprese “straniere” presenti in provincia di Reggio Emilia – hanno registrato un incremento ancora più rilevante le altre attività dei servizi che, con una crescita del 3,9%, hanno raggiunto le 1.056 unità. In particolare, sono passate dalle 371 del giugno 2018 alle attuali 407 (+9,7%) le imprese impegnate nei servizi rivolti alla persona; in aumento anche le aziende gestite da stranieri che svolgono attività di servizi alle imprese, che hanno raggiunto le 649 unità (+2,2%), grazie soprattutto all’aumento registrato dalle attività di trasporti e magazzinaggio (da 116 a 123, +6%).
Tra i Paesi di provenienza degli imprenditori stranieri (con riferimento alle sole 6.616 imprese individuali, le uniche per cui è possibile associare la nazionalità al titolare), quello più rappresentato è la Cina, con 1.035 imprese individuali esistenti in provincia di Reggio Emilia a fine giugno 2019. Seguono poi diversi Paesi Extra-UE che contano un numero rilevante di imprese individuali: Tunisia (860), Egitto (758), Albania (738), Marocco (737), Nigeria (376) e Pakistan (339). Il primo Paese comunitario è la Romania che, con 275 imprese individuali, si colloca sull’ottavo gradino della graduatoria dei Paesi maggiormente rappresentati fra le imprese straniere reggiane.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *