HomeAttualitàLa Regione contro Trenitalia: “Inaccettabili i rincari”

La Regione contro Trenitalia: “Inaccettabili i rincari”

La Regione contro Trenitalia per i rincari previsti ai danni dei pendolari dell’alta velocità. La Regione Emilia-Romagna ha infatti «chiesto a Trenitalia di ritirare gli aumenti tariffari per gli abbonamenti ai treni ad Alta velocità, accogliendo le istanze espresse dalle diverse associazioni dei consumatori e pendolari, che condividiamo». Lo conferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, aggiungendo su Facebook: «Non è accettabile la mancanza di una consultazione preventiva su questo argomento: sia per il numero dei cittadini coinvolti, sia per la rilevanza degli importi». Prima di Bonaccini era intervenuto anche l’assessore ai trasporti Raffaele Donini chiedendo il ritiro degli aumenti.
La doccia fredda per i pendolari dell’alta velocità è arrivata due giorni fa. Gli abbonamenti alle Frecce restano, ma aumentano i prezzi negli orari di punta. Da oggi chi fa avanti e indietro tutti i giorni da Bologna vedrà lievitare il proprio abbonamento di circa il 35% in più rispetto al 2016. Se prima un mensile valido ogni giorno da Bologna a Milano costava 417 euro, da febbraio salirà a 563 euro (2.57 euro al km) per la tariffa standard; e da 600 euro passerà ad 810 per chi viaggia in business.

Gli aumenti però non riguardano solo i collegamenti con il capoluogo lombardo. Tra Bologna e Firenze ci si sposterà con 78 euro in più: 302 euro, il 34,8% contro i 224 euro dell’anno scorso per un totale di 3.11 euro al km. La seconda tratta più cara, tra quelle più trafficate in Italia, sarà invece quella più battuta da chi si muove tra Bologna e Reggio Emilia: in questo caso si spenderanno 3.55 euro per ognuno dei 61 km che dividono le due città (220 euro al mese contro i 163 di prima, +35%). E ancora Bologna-Verona 274 euro invece che 203 (2,40 al km).
La battaglia sugli abbonamenti tra Trenitalia e pendolari va avanti ormai da tempo, e nel 2016 più volte l’azienda aveva minacciato di eliminarli del tutto, come ha fatto la scorsa estate Italo. Oggi i treni di Ntv prevedono soltanto un carnet da massimo dieci viaggi.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.