HomeAttualitàIscritti alla Cgil, record storico a Parma

Iscritti alla Cgil, record storico a Parma

Sono stati oltre 76mila gli iscritti alla Cgil di Parma nel 2016. Per la precisione, 76.038 al 31 dicembre dell’anno scorso. Un record storico per il sindacato – il superamento del tetto dei 76mila iscritti – accompagnato da un incremento dell’1,38% rispetto al 2015, dato molto significativo, soprattutto rapportato al numero complessivo degli iscritti.

Crescono tutte le categorie rappresentative dei lavoratori attivi, oltre ai pensionati. La Filcams si conferma la prima categoria degli attivi del parmense, con 6.238 tessere consegnate, di cui 850 nuovi iscritti. Segue la Flai (5.787 tessere consegnate di cui 570 nuovi iscritti). Crescono il comparto manifatturiero (Fiom: 5.040 tessere consegnate, di cui 673 nuovi iscritti), le categorie del pubblico e della scuola (Flc: 2.418 tessere consegnate, di cui 182 nuovi iscritti), e i pensionati. Rispettato l’equilibrio di genere: sono 37.500 le donne iscritte al sindacato. Circa 7.800, inoltre, i cittadini stranieri iscritti.

Questi dati confermano che siamo un punto di riferimento imprescindibile per i lavoratori del territorio – sottolinea il segretario generale della Cgil di Parma Massimo Bussandriin anni davvero critici per una crisi che ha cambiato il profilo del lavoro e della socialità. I numeri rappresentano il frutto di una serie di attività svolte dalle nostre categorie, a cominciare dalla contrattazione difensiva, ma anche gli importanti accordi acquisitivi che hanno segnato un nuovo modello di relazioni anche in importanti aziende fondate sul connubio di qualità delle produzioni e del lavoro”.

Vi è poi da rilevare l’impegno dei servizi. Il Patronato Inca ha aperto nel 2016 circa 2800 pratiche di pensione, 6800 pratiche di sostegno al reddito, come Naspi o mobilità, per non parlare delle domande di accesso alla salvaguardia degli esodati; ha poi gestito oltre 2600 domande di maternità, 3mila pratiche di tutela dell’handicap, più di 1300 domande di infortunio sul lavoro e ancora oltre 1300 pratiche rivolte ai migranti (permessi di soggiorno, rinnovi e ricongiunzioni). A ciò si aggiunge il fondamentale apporto dell’Ufficio Vertenze, che solo nel 2016 ha preso in carico ben 524 nuovi lavoratori in procedura concorsuale; del Caf Sercoop, dell’ufficio Danno biologico e del servizio Mai soli.

Ad avvalorare e rafforzare il quadro uscito dal tesseramento 2016, e dal bilancio di un’attività che descrive la CGIL di Parma come una grande organizzazione di rappresentanza, tutela e intermediazione sociale,  vi è il dato sulla rappresentatività: al 13/02/2017 la Cgil si aggiudica il 71,5% dei voti espressi nelle elezioni delle rappresentanze sindacali, con una punta dell’80% nei comparti metalmeccanici.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.