HomeAttualitàIl senso di Max Mara per i cappotti: donato al Comune di Reggio l’iconico capo modello 101801 (nel 70° anniversario della casa di moda)

Il senso di Max Mara per i cappotti: donato al Comune di Reggio l’iconico capo modello 101801 (nel 70° anniversario della casa di moda)

Max Mara donerà al Comune di Reggio Emilia il suo iconico cappotto modello 101801.

Sarà esposto ai Musei Civici, all’interno della nuova sezione del “Museo planetario”, in un percorso dedicato alle grandi stagioni culturali del Novecento, anni in cui Reggio Emilia gettava le basi per quelli che sarebbero diventati brand conosciuti in tutto il mondo, tra cui, appunto, quello di Max Mara.

In una lettera di Giuseppe Gonzaga, Chief Financial Officer di Max Mara, si legge che la donazione viene fatta con l’intento di arricchire il patrimonio storico del Museo con un importante e iconico esemplare, simbolo della storia della casa di moda reggiana.

“Coats!” (cappotti). Il libro-catalogo uscito nel 2006 per celebrare con un tour di mostre allestite in varie città del mondo i primi 55 anni dell’azienda fondata da Achille Maramotti nel 1951

L’inconfondibile capospalla donato, dal design unico, nasce nel 1981 dall’idea della stilista francese Anne-Marie Beretta di trasformare un capo prettamente maschile in un’icona di stile femminile. “Ricerca di equilibrio tra tessuto, forma, colore e lavorazione per raggiungere la perfezione”, queste le parole della sua ideatrice.

La linea over, le maniche a kimono, l’elegante chiusura doppiopetto e il pregiato tessuto di cashmere e lana sono gli elementi distintivi del cappotto 101801. Dalla sua creazione, il Max Mara 101801 Icon Coat è diventato il simbolo della casa di moda di Reggio Emilia e il protagonista assoluto del look delle più grandi icone di stile, celebrities e donne di tutto il mondo. Eleganti, sartoriali e perfettamente realizzati con tessuti pregiati, i cappotti Max Mara si distinguono per design, la versatilità e la vestibilità. Qualità che fanno di questi capispalla i must have indiscussi del guardaroba femminile.

Che dire: una bella iniziativa da parte della casa di moda, effettuata in un momento importante. Proprio quest’anno, infatti, Max Mara celebra il 70° anniversario della sua fondazione, avvenuta da parte di Achille Maramotti nel 1951.

Curiosità: “Il cappotto” è anche il titolo di un celebre racconto di Gogol’ (anno 1842)

Le celebrazioni sono iniziate lo scorso febbraio, con uno show digitale ambientato alla Triennale di Milano e sono già in corso i preparativi per la prossima sfilata dal vivo, che si terrà il prossimo 29 giugno a Ischia, dove, nella splendida cornice dell’isola verde, verrà presentata la collezione “Resort 2022”.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.