Il marchio della legalità

Legacoop Emilia Ovest nell’occasione del lancio della campagna comunicativa “Whitelist azienda impermeabile alla criminalità organizzata” (www.whitelistreggioemilia.it/ ) rinnova il suo pieno sostegno al contrasto alla criminalità organizzata finalizzato a garantire la libertà di mercato e la democrazia.

Per Legacoop, hanno partecipato il vicepresidente Luca Bosi e Roberto Meglioli, resp. RSI: “In questi anni di lavoro abbiamo agito insieme all’Assessorato competente guidato da Alex Pratissoli e sostenuto tutte i protocolli e le azioni del Comune e della Provincia di Reggio Emilia. Insieme alle altre associazione abbiamo da subito visto nel marchio Whitelist il giusto mezzo per mostrare in trasparenza ai consumatori che l’azienda dalla quale acquistano beni o servizi è un’azienda sana, rispettosa delle leggi e dei diritti dei lavoratori. Dal protocollo d’intesa, al regolamento attuativo per la concessione e l’uso del marchio, alla creazione del marchio all’istituzione dell’Ufficio Associato Legalità Provinciale abbiamo lavorato con spirito di apertura e condivisione con tutte le associazioni di rappresentanza datoriale che oggi ringraziamo insieme agli amministratori comunali provinciali, camera di commercio e prefettura”.

Attualmente le società cooperative o a controllo cooperativo aderenti a Legacoop Emilia Ovest presenti in elenco sono 15: Arcaland, Buozzi, Coe, Coopservice, Emiliana Conglomerati, Finpolo, Gesta, Ires cantieri, Sacmi, Sicrea, Siteco, Sirem, Tecton, Transcoop, Unirecuperi. Altre 11 hanno richiesto di entrare nell’elenco Whitelist: Archeosistemi, Car server, Ccpl inerti, Ceire, Coop sociale nuovo raccolto, Elfo, Fornace di Fosdondo, Greslab, La Betulla, Lo stradello, I briganti del Cerreto.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS