HomeAttualitàFacebook censura il Nettuno: «È troppo nudo»

Facebook censura il Nettuno: «È troppo nudo»

Cattura10«Volevo sponsorizzare la mia pagina ma a quanto pare per Facebook la foto del nostro Gigante è un contenuto esplicitamente sessuale che mostra eccessivamente il corpo o si concentra su parti del corpo senza che sia necessario. Il Nettuno?? Robe da matti!». Così la scrittrice Elisa Barbari commenta, con un post sul social network, la decisione dell’algoritmo (si spera) Facebook di bloccare la sua inserzione pubblicitaria di una pagina su «storie, curiosità e scorci di Bologna». «La tua inserzione – scrive il team di Fb – non è stata approvata perché viola le linee guida sulle pubblicità di Facebook: presenta un’immagine con contenuto esplicitamente sessuale che mostra eccessivamente il corpo o si concentra su parti del corpo senza che sia necessario. Non è consentito l’uso di immagini o video di nudo o di scollature troppo profonde, anche se per fini artistici o educativi». Replica, con stupore e ironia, l’autrice: «Negli anni ‘50, in occasione della festa delle matricole, vestirono il Nettuno. Forse fb lo preferisce conciato così».

LE SCUSE – Alla fine, dal più frequentato social network del mondo sono arrivate le scuse alla città di Bologna. “Il nostro team esamina ogni settimana milioni di immagini pubblicitarie, e in alcuni casi blocchiamo per errore delle ads. Quest’immagine non viola le nostre policy per le inserzioni e ci scusiamo per l’errore. Abbiamo inoltre comunicato all’utente che la sua inserzione è stata approvata“. Così un portavoce di Facebook chiude la querelle sul Nettuno, uno dei simboli più conosciuti di Bologna.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.