HomeAttualitàChristmasdown: serpentina natalizia poco festosa tra zona rossa e arancione per evitare la terza ondata

Christmasdown: serpentina natalizia poco festosa tra zona rossa e arancione per evitare la terza ondata

Zone rosse per te: Italia in lockdown totale per dieci giorni (festivi e prefestivi) fino alla Befana, e arancione per quattro (28, 29 e 30 dicembre e 4 gennaio) con possibilità di spostamento all’interno dei comuni e negozi aperti ma bar e ristoranti ancora chiusi. Natale coi tuoi (ed un paio di convitati di pietra non congiunti) , Pasqua alla Caritas…

Dieci giorni in zona rossa e 4 in zona arancione, coprifuoco che resta alle 22 e massimo due persone non conviventi che si possono aggiungere al cenone. Con il nuovo provvedimento per le festività natalizie il governo ha introdotto ulteriori misure restrittive rispetto a quelle entrate in vigore con il decreto legge del 2 dicembre e con il Dpcm del 3 dicembre, validi entrambi fino al 15 di gennaio

ZONA ROSSA – (24, 25, 26, 27, 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio) “Una zona rossa nazionale dal 21 dicembre al 6 gennaio saranno evitati gli spostamenti tra regioni nei giorni festivi e pre-festivi: il 24, 25, 26, 27, 31 dicembre, 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio”. Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute. Si possono ricevere fino a 2 persone non conviventi (anche amici) dalle 5 alle 22. “È una misura pensata per consentire un minimo di socialità”, ha sottolineato Conte. Durante la zona rossa saranno chiusi i centri estetici, bar e ristoranti. Saranno invece aperti i supermercati, negozi di alimentari e di prima necessità come farmacie e parafarmacie, parrucchieri e barbieri. Conte ha poi specificato: “Un sistema liberal democratico non manda la polizia in casa a controllare cosa stanno facendo nelle abitazioni a meno che non ci sia una flagranza di reato. Non entriamo nelle case. Il divieto, quando avrete la bontà di leggere il decreto, è stato concepito come limite alla circolazione. Siamo in zona rossa, interveniamo con un inasprimento, si esce con l’autocertificazione in tutti questi giorni di festività. Allora per compensare introduciamo un piccolo contemperamento: chi circola per strada dichiarerà dove va, se va in un’abitazione si potrà verificare dopo”, ha aggiunto.

ZONA ARANCIONE – (28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio) “L’intero territorio nazionale sarà zona arancione il 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio. In questi giorni ci si potrà spostare esclusivamente all’interno del proprio comune senza giustificarne il motivo. Per venire incontro a comuni fino a 5000 abitanti fino a 30 km ma non nei capoluoghi di provincia. Rimangono chiusi bar e ristoranti tranne che per asporto e consegne a domicilio. I negozi saranno aperti fino alle 21”, ha spiegato Conte.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.