HomeAttualitàBologna Fiere, tagli ai costi per 2,7 milioni

Bologna Fiere, tagli ai costi per 2,7 milioni

Le cifre del taglio dei costi messe nero su bianco dai vertici di Bologna Fiere, e spedite a tutti i sindacati, dovrebbero essere quelle definitive: il piano industriale dell’expo bolognese entro il 2019 ipotizza di dimezzare le ore lavorative, passando dalle attuali 119mila a 66mila. È un taglio netto del 45% nel giro di un triennio. Vuol dire che per gestire le manifestazioni, gli eventi e l’intera struttura di via Michelino in futuro servirà quasi la metà del tempo rispetto a oggi. Ma la Fiera punta anche risparmiare sul costo del lavoro: anche qui il taglio sulle tariffe orarie dovrebbe aggirarsi in media intorno al 42% (escludendo chi è già assunto).

È la prima volta che le sigle sindacali vedono riportato in un documento ufficiale quello che finora era stato paventato dai manager della società solo a voce durante gli incontri. E si dicono perplessi davanti alle carte, visto che a loro avviso non viene spiegato nel dettaglio in che modo il gruppo otterrà i risparmi già promessi agli azionisti (e soprattutto ai vertici del salone Eima, che hanno appena firmato per lasciare la loro manifestazione a Bologna).

Tirando le somme, infatti, i risparmi, che il piano definisce “potenziali”, rispetto al 2016 ammontano a 2,72 milioni di euro. Il primo canale di spesa da alleggerire è legato alla “riduzione delle ore necessarie alla gestione del quartiere”. In fondo c’è un elenco delle innovazioni tecnologiche che permetteranno alla società di sfoltire i costi sostenuti: si va dalla cancellazione dei turni extra-manifestazioni per biglietterie e addetti agli ingressi fino all’eliminazione dei “nastri orari e differenziazione ore turni”. Di più sui turni dei dipendenti il documento non dice, e gli stessi sindacati con queste formulazioni generiche non ci si raccapezzano. Quanto alle novità high tech, che ridurranno ulteriormente le ore, si citano cancelli automatizzati, videosorveglianza e tornelli.
Ma il capitolo più doloroso riguarda il costo complessivo del lavoro in Fiera, che in ogni caso verrà ridotto: oggi, come più volte dichiarato in passato dal presidente Franco Boni, la tariffa oraria media è di 33,31 euro. Troppo, secondo lui, se confrontato con i concorrenti, e promessi “sposi”, saloni di Parma e Rimini. Quest’anno le tariffe scenderanno di colpo, fino ad assestarsi intorno ai 19,12 euro nel 2019.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.