HomeAttualitàAddio piccolo Carletto: lutto cittadino per i funerali

Addio piccolo Carletto: lutto cittadino per i funerali

Il piccolo Carletto Russo, morto ad appena 2 anni

Il piccolo Carletto Russo, morto ad appena 2 anni

Oggi l’addio al piccolo Carletto Russo, il bimbo di due anni morto al Santa Maria Nuova 48 ore dopo il ricovero per aver ingerito del brillantante per lavastoviglie, mentre si trovava nel bar gestito dai genitori a San Martino in Rio.
Ieri la Procura di Reggio Emilia, dopo l’autopsia compiuta due giorni fa, ha dato il nulla osta per i funerali che si svolgeranno proprio nel paese della Bassa reggiana.
I funerali partiranno questa mattina 2 settembre alle 8.30 dalle camere ardenti dell’ospedale reggiano alla volta del Black or  White Cafè di San Martino in Rio, dove alle 9 si formerà il corteo diretto alla chiesa dei Padri Cappuccini per la messa delle esequie. Poi il corteo funebre raggiungerà il cimitero Capoluogo.

Per domani il Sindaco della cittadina, Oreste Zurlini, ha proclamato con apposita ordinanza il Lutto cittadino. Le bandiere della sede municipale saranno listate a lutto nella Sede municipale e negli uffici comunali il lavoro sarà temporaneamente sospeso.
al tempo stesso ”l’Amministrazione comunale invita la Cittadinanza  ad interrompere  simbolicamente le proprie attività per sottolineare questo momento di cordoglio collettivo”.
Già da ieri la vetrina del bar della famiglia Russo è stata riempita di pupazzi e di messaggi di solidarietà e vicinanza ai genitori, ai fratellini e ai nonni.
La procura della Repubblica ha autorizzato i funerali dopo l’autopsia compiut ieri pomeriggio dal medico legale Samuele Manzoni di Brescia e nella quale, secondo le prime indiscrezioni, sarebbero state rilevate lesioni ai tessuti provocate dal brillantante. La procura ha ammesso all’esame autoptico il consulente di parte della famiglia Russo, ma non quello della direzione del Santa Maria Nuova.
Sempre ieri i Carabinieri, su mandato del sostituto procuratore Giacomo Forte, hanno ascoltato come testimoni i medici (non indagati) che in ospedale hanno avuto in cura il piccolo russo per quasi tre giorni.

Nessun commento

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.