HomeAttualità26 avvisi di conclusione d’indagine per dirigenti e funzionari del Comune di Reggio. Inchiesta dal 2016

26 avvisi di conclusione d’indagine per dirigenti e funzionari del Comune di Reggio. Inchiesta dal 2016

La Guardia di finanza ha notificato 26 avvisi di conclusione delle indagini a diversi soggetti, fra cui diversi dirigenti e funzionari del Comune di Reggio Emilia, per fatti di corruzione e turbativa d’asta negli appalti dell’ente. L’inchiesta, iniziata nel 2016 e coordinata dai sostituti procuratori Valentina Salvi, Giulia Stignani e Giacomo Forte, era iniziata il 13 giugno 2019 con le perquisizioni in municipio.

Secondo quanto scrive la Finanza, “gli avvisi di fine indagine sono stati emessi al termine di complesse investigazioni iniziate nel 2016 e sviluppatesi prima relativamente a fatti di istigazione alla corruzione a carico di un giudice della commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia già dirigente del servizio legale del Comune”. 

Le fiamme gialle durante le indagini avrebbero accertato “ulteriori condotte delittuose poste in essere dal medesimo soggetto e da altri dirigenti e funzionari del Comune di Reggio Emilia che, in concorso tra loro, hanno turbato il procedimento amministrativo di predisposizione dei bandi di gara dell’ente allo scopo di condizionare la scelta del contraente da parte della pubblica amministrazione”.

Le irregolarità, confermate anche dall’esito della consulenza tecnica di due periti nominati dall’Autorità Giudiziaria, avrebbero riguardato gli appalti di molteplici settori, per un valore complessivo di circa 27 milioni di euro, i cui bandi sono risultati “confezionati su misura”, onde ostacolare la partecipazione dei potenziali candidati e favorire indebitamente le imprese aggiudicatarie. Questo almeno secondo gli investigatori.

Nessun commento

lascia un commento