Bamboccioni sarete voi!

Uno spazio per la sperimentazione, la formazione e la produzione culturale attraverso i linguaggi della contemporaneità: è SD Factory, laboratorio creativo promosso dal Comune di Reggio Emilia e gestito da cooperativa Papa Giovanni XIII con la supervisione del servizio Officina Educativa. La Factory sarà ospitata all’interno dei rinnovati spazi già di Officina delle Arti, in via Brigata Reggio 29, luogo riconosciuto della creatività giovanile reggiana che dal 2004 a oggi ha ospitato venticinque diverse realtà.

La Factory ospiterà laboratori sui diversi linguaggi artistico-creativi (arti grafiche, danza, teatro, foto e video), rassegne, proiezioni, concerti e performance artistiche di giovani reggiani under 35: all’interno troverà spazio anche lo Studio Seltz, storica sala prove con annesso studio registrazione. Sarà inoltre attivato anche un temporary bar collegato alle attività e agli eventi che avranno luogo in questo rinnovato spazio, e verranno allestite postazioni di coworking e una sala comune polivalente.

Il progetto – che prevede un cofinanziamento tra il Comune di Reggio Emilia (125.000 euro) e Regione Emilia-Romagna (32.000 euro), per un importo complessivo di 157.000 euro – si inserisce nel percorso avviato dall’Amministrazione comunale con ‘Reggio Creativa’, per lo sviluppo e la valorizzazione dei talenti creativi e la promozione di processi di rigenerazione urbana attraverso le arti. In quest’ottica, SD Factory sarà in dialogo costante con un’altra infrastruttura urbana votata alla creatività reggiana emergente, i Chiostri di San Domenico e quindi parte di una rete di spazi creativi che la città esprime, ognuno con le proprie peculiarità, ma complementare agli altri nel dare vita ad un sistema creativo più sostenibile, visibile e fruibile.

SD Factory sostiene e promuove il principio del ‘circuito virtuoso’, che significa in primo luogo incentivare i soggetti che utilizzano spazi e attrezzature della Factory a restituire allo spazio le opportunità ricevute, mettendo a disposizione una parte del proprio tempo e delle proprie competenze. L’obiettivo è infatti quello di creare una collaborazione condivisa, a partire dalle proprie specificità, allo sviluppo del progetto “SD Factory” insieme alla rete degli altri soggetti che la abitano.

HANNO DETTO – Il laboratorio creativo SD Factory è stato presentato nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte l’assessore a Educazione e Conoscenza Raffaella Curioni, il presidente della cooperativa Papa Giovanni XXIII Matteo Iori e il coordinatore dello spazio Luca Delmonte.

“Artisti non si nasce, ma si diventa allenando le competenze – ha detto l’assessore Raffaella Curioni – Per farlo c’è bisogno di spazi che siano finalizzati a questo scopo, spazi della creatività che siano anche di crescita e di socializzazione. SD Factory vuole essere questo: un luogo di oltre mille metri quadrati dedicati ai diversi tipi di arte, dove i giovani creativi reggiani possano trovare gli strumenti per realizzare se stessi e concretizzare le proprie aspirazioni, anche grazie al confronto costruttivo con artisti e creativi che hanno già costruito un loro percorso compiuto. Questo spazio, che per anni ha ospitato l’ex Officina delle arti e che oggi si riapre ai linguaggi della contemporaneità per la sperimentazione, non sarà una realtà a sé stante ma avrà una narrazione comune e dialogherà con gli spazi di San Domenico, inserendosi in un percorso intrapreso già da tempo da parte dell’Amministrazione comunale per valorizzare le competenze e fare di Reggio Emilia una città dei giovani e della creatività”.

L’INAUGURAZIONE – SD Factory viene inaugurata sabato 16 febbraio 2019 alle ore 17, con una grande festa cui saranno presenti il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, l’assessore a Educazione e Conoscenza Raffaella Curioni e l’assessore alla Cultura della Regione Emilia-Romagna Massimo Mezzetti.

A dare il via al programma, dopo l’intervento dell’assessore Curioni, saranno alle 17.15 il Collettivo Grams e Youthless Fanzine con l’incontro “Quanto pesa un’idea? Baby”, su cinque giovani autori e sceneggiatori con un’età compresa tra i 22 e i 29 anni che hanno saputo raccontare una storia diventata serie televisiva scelta da Netflix. Modera Francesco Locane.

Dalle 18 alle 19.15 seguirà “”Ritratto dell’artista da giovane”, format nel quale artisti professionisti raccontano come sono diventati tali, a cura di Lara Ferrari. Intervengono: Murubutu (musica) con mini set live, Giuseppe ‘Cammo’ Camuncoli (fumetto) e Guido Sgardoli (scrittura). Alle 19.15 sono previsti gli interventi dell’assessore regionale Massimo Mezzetti, del sindaco Luca Vecchi e del presidente della cooperativa Papa Giovanni XXIII Matteo Iori: seguirà il taglio del nastro.

La festa proseguirà per tutta la serata con dj set a cura del Collettivo Grams e con il concerto, alle 21, di “Le Lische”, numerosa e giovanissima formazione reggiana con una propria identità che fin dalla sua origine ha deciso di distinguersi attraverso un sound meticcio, passando dal funk al rap e con testi in lingua italiana. La band è stata selezionata per l’edizione 2018 del festival “Seltz Live”. A chiudere il ricco programma sarà alle ore 22 il concerto del collettivo “Arzân!”, diretto da Olivier Manchion, una vera e propria orchestra formata dal meglio della musica indie reggiana: post-rock, post-punk, avant-rock, free-rock, experimental..

Per tutta la giornata live painting indoor a cura del Tavolo della street art, con Signora K, Pietro Anceschi ART, Lord Hang, Neko, Mister Dada (Daniele Castagnetti) e Maik Graffiti and Graphic.

COME FUNZIONA LO SPAZIO – I locali di SD Factory potranno essere concessi per l’utilizzo di laboratori ad uso dei giovani artisti, che potranno utilizzarli per la creazione di opere e/o percorsi di formazione; organizzazione di mostre, eventi, convegni, iniziative culturali, artistiche, sociali.

Il Laboratorio creativo ospiterà anche percorsi formativi, gratuiti o a pagamento, con artisti e professionisti che metteranno a disposizione dei giovani le proprie competenze. Potranno usufruire degli spazi all’interno di Sd Factory associazioni giovanili, formali o informali, giovani creativi ed enti pubblici (Comune, scuola superiore, Università, ecc. ) che operano nell’ambito dei linguaggi espressivi e creativi, o che si rivolgano al mondo giovanile.

Ciascun soggetto potrà prenotare gli spazi per un determinato periodo e frazione di tempo giornaliero, settimanale, mensile; e utilizzare le attrezzature, concordando tempi e modalità col soggetto gestore e compilando la modulistica relativa presso gli uffici di SD Factory o online attraverso il sito di SD Factory.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS