Reggio Emilia conferma le 2 stelle Michelin. Primavera 2019: evento della Guida in città

Reggio Emilia conferma 2 Stelle Michelin, con il prestigioso riconoscimento gastronomico nuovamente assegnato a Cà Matilde di Andrea Vezzani a Rubbianino e alla Clinica Gastronomica da Arnaldo a Rubiera di Anna Degoli.

Rimane invece ancora orfana della preziosa stella la città, che l’aveva avuta in passato con “I 5 Pini” di Pelati, chiuso ormai da una decina d’anni. Rinvia l’appuntamento con la stella Gianni D’Amato, anche se siamo convinti che presto o tardi il “Caffè Arti&Mestieri” entrerà (nel caso di D’Amato sarà un ritorno) nell’Olimpo della Guida più importante d’Italia.

Reggio però è stata coinvolta dalla Guida con il sindaco Luca Vecchi e con l’assessora Natalia Maramotti, che hanno partecipato alla presentazione della Guida oggi all’Auditorium Paganini di Parma: la città di Maria Luigia infatti da tre anni ospita l’importantissimo evento, la cui fama surclassa quella di altre guide enogastronomiche.
Grazie a Destinazione Turistica Emilia e a Parma Capitale Italiana della Cultura 2020, un progetto che coinvolge anche le province limitrofe, Reggio ospiterà nella primavera 2019 un evento targato Michelin, “la presentazione di un nuovo prodotto” editoriale non meglio specificato.

Il colpaccio però lo ha annunciato la sindaca di Piacenza Patrizia Barbieri: la Guida Michelin 2020, tra un anno, sarà presentata nella sua città.
Per il resto, la Guida ha proclamato un nuovo tristellato Michelin: si tratta dello chef marchigiano Mauro Uliassi. Salgono dunque a 10 i ristoranti italiani con le 3 stelle.
Sono 29 i nuovi ristoranti stellati, uno, l’Abocar Due Cucine di Rimini di Mauro Guardianelli, in Emilia Romagna, che portano a 318 il totale dei ristoranti italiani con 1 stella. 29 i bistellati. Una dozzina i declassamenti di ristoranti che hanno perso la stella. Ancora a bocca asciutta Cracco in Galleria a Milano.
Tra i nuovi stellati, meritano una citazione il ritorno de “I 12 apostoli” di Verona e il “Materia” di Cernobbio.

CB

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *