Lutto granata: la Reggio (non solo) calcistica si ribella al 2-1 beffa con cui il Siena l’ha cacciata dai play-off

L’addetto stampa della Reggiana, il giornalista Wainer Magnani, ha mutato così il suo profilo facebook

La Reggio calcistica e non solo in rivolta contro i poteri forti…del calcio. E’ stata presa malissimo (e non sarebbe potuto essere altrimenti) la sconfitta a Siena per 2-1 e la conseguente eliminazione dai play-off della Lega Pro. Tra gol sospetti convalidati, altri annullati e rigori fantasma (al 99° dopo il pareggio al 94°) tutti a senso unico a favore della squadra toscana, il clima locale è arroventato ed i social si scatenano parlando di congiura del Palazzo contro una squadra ed una città che conterebbero poco ai piani alti del pallone. E c’è anche chi scagliandosi contro le giacchette nere rispolvera la coincidenza dello stadio di proprietà Mapei.

Il 3 giugno 2018 sarà dunque segnato sul calendario del tifo granata come una data che più infausta non si può, quella del sogno interrotto ad un passo dal Purgatorio per restare almeno un altro anno nell’Inferno della C. Qualcuno invoca iniziative politiche, altri annunciano che non si recheranno mai più allo stadio, altri ancora chiedono una conferenza stampa al calor bianco del patron Piazza, i più fatalisti ed apocalittici infine sventolano una resa calcistica intesa come abbandono definitivo al piacere del gioco del calcio. I più simbolisti hanno cambiato il loro profilo facebook apponendo un nastro nero con sfondo un campo da pallone.

Piazza consegna una maglietta della Reggiana col numero 31 al Vescovo Massimo Camisasca… ma non è bastato

Questo il commento durissimo di Mike Piazza sul sito della società: “Ieri sera non ho potuto commentare perché dovevo tornare a casa con i miei figli, mi dispiace che abbiano dovuto assistere a tale corruzione e incompetenza. Sono profondamente disgustato e arrabbiato, sono veramente dispiaciuto per i nostri tifosi, loro non si meritano questo. È davvero un giorno triste per l’Italia e per il calcio italiano. Non capirò mai come alcuni individui sporchi e corrotti riescano a rendere una cosa tanto bella, così ripugnante e brutta. Sono nauseato”.

Anche il deputato del Pd Andrea Rossi, già sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia Romagna, e sempre assai sensibile ai temi pallonari, ha così postato: “One a moment, c’é qualcosa che non va dal punto di vista sportivo, come si può uscire dai play off al 97esimo per un rigore inesistente???”.

I principali quotidiani sportivi però, Gazzetta dello Sport e Stadio-Corriere dello Sport, non la pensano così ed hanno dato la sufficienza al direttore di gara.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS