Casablanca e La donna che visse due volte sono filmoni?

Seconda incursione del Bar De Curtis nei filmoni di una volta, in attesa di qualche pellicola moderna (in)decente.

casablanca-17fga0mCasablanca

Regìa: Michael Curtiz

Top star: Humprey Bogart, Ingrid Bergman

USA 1942

Clint Eastwo… Ah, no, scusate, Humprey Bogart duro dal cuore tenero in una storia che non è difficile capire per quale motivo, nel 1942, abbia rubato la scena e vinto 3 Oscar (film, regìa e sceneggiatura non originale), visto che alla storia d’amore con Ingrid Bergman fanno da sfondo nazismo e venti di guerra.

La Bergman che emana luce nei primi piani è un espediente che fa sorridere ai giorni nostri, mentre è inspiegabilmente senza tempo il motivo per cui il super ricercato Victor Laszlo giri allegramente per i locali di Casablanca, dove si beve e si fuma che è una meraviglia, cosa che curiosamente oggi è bandita sul grande schermo. Ma la trama è solida e scene come quella in cui l’arroganza tedesca viene coperta dal canto della Marsigliese, all’epoca devono aver fatto saltare in piedi il pubblico.

Discutibile il finale e la ricerca dei soliti sospetti, discutibile pure che il pur bravo Bogart venga considerato un mito. E Al Pacino allora chi è? Dio?

***

La donna che visseLa donna che visse due volte

Titolo originale: Vertigo

Regìa: Alfred Hitchcock

Top star: Kim Novak, James Stewart

USA 1958

Che Sir Alfred Hitchcoock sia considerato il maestro del brivido lo si capisce dal finale di Vertigine (ci rifiutiamo di adottare la “traduzione” italiana del titolo), in cui il regista abbandona la macchina da presa a favore di una mannaia: lei si getta, lui osserva sgomento, arriva la suora, dice “Dio abbia pietà”, suona le campane e titoli di coda. Ma si può far finire così un film che oltretutto dura due ore? Non hai avuto fretta per un’ora e cinquantanove minuti, ok, poi cos’è successo? Chi ti correva dietro? Mistero.

Vertigo per il resto è un gran bel film (infatti non ha vinto neanche un Oscar), sorretto nelle parti lente dalla colonna sonora. Ma il finale non è mai un dettaglio.

***

Quarto potere

Titolo originale: Citizen Kane

Regìa: Orson Welles

Top star: Orson Welles

USA 1941

Inglese-Italiano, lezione numero due. Vertigo si traduce con “La donna che visse due volte”, Citizen Kane con “Quarto potere”. Non si finisce mai di imparare.

Considerata l’età, il film di e con Orson Welles – la scalata al potere e il potere dei media – è avanti anni luce (strameritato l’Oscar alla sceneggiatura non originale), anche da un punto di vista della tecnica e delle riprese, che ancora oggi fanno scuola. Ma passando al contenuto: quando si parla di giornalismo, cinismo e scrupoli bene, quando ci si sposta sulla vita privata del protagonista, il ritmo cala parecchio. Inquietante la somiglianza di Welles con Marlon Brando in versione Padrino.

***

Sentieri selvaggi

Titolo originale: The Searchers

Regìa: John Ford

Top star: John Wayne

USA 1956

Inglese-Italiano, lezione numero tre. Vertigo si traduce con “La donna che visse due volte”, Citizen Kane con “Quarto potere”, The Searchers con “Sentieri Selvaggi”. Tutti a scuola, sperando che sia chiusa.

Qui però c’è tutto: grandi distese, panorami mozzafiato, colori caldi al limite dell’incandescente, cowboy, comanche, il duro (John Wayne). Manca solo la storia avvincente: forse lo era all’epoca; oggi, dopo i western tarantini ani, lo è decisamente meno. Buona la premessa, un po’ troppo lunga la ricerca della ragazzina rapita dalla tribù. Wayne comunque regge alla grande per carisma a volontà, e il suo personaggio è fortunatamente pure politicamente scorretto. Confezione da applausi, sostanza così così.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS