Home » Articoli scritti da Carlo Vanni

Vouchers aboliti: embè?

Vouchers aboliti: embè?

Ci stavamo davvero preoccupando per il futuro del mercato dell’occupazione italiana (quello del lavoro è tutt’altro tasto), quando all’improvviso ecco la soluzione perfetta: quella che risolve ogni dilemma, tappa ogni buco e rimette le cose in carreggiata. Quale sarà? Direte a questo punto voi, piccoli amici. Ma è chiaro: l’eliminazione dei Vouchers! Al plurale, come [...]

8 marzo: riflessioni postume e a priori

8 marzo: riflessioni postume e a priori

E anche quest’anno l’abbiamo sfangata, se Dio vuole: l’8 marzo ce l’abbiamo ormai alle spalle, e possiamo tirare un meritato sospiro di sollievo dopo il diluvio allucinante di palline gialle vagamente olezzanti, cuoricini, spot elettorali e frasette inneggianti alla donna che chi frequenta questo angolo di mondo deve sorbirsi per almeno 72 ore. Sì, perché [...]

Sparlate, sparlate, qualcosa resterà…

Sparlate, sparlate, qualcosa resterà…

Qualcuno che ha ormai passato gli anta ricorderà, crediamo con una certa nostalgia, i tempi ormai semimitici in cui le contrapposizioni politiche, per quanto crude, aspre, sentite, si fondavano su divisioni di fronte nella visione delle scelte da effettuare per vivere la cittadinanza. Destra e sinistra, radicali e flessibili, conservatori e progressisti, aerei e terricoli, [...]

L’immagine femminile tra marketing e marketting

L’immagine femminile tra marketing e marketting

Compra, compra il televisore. Sullo schermo 58 pollici e tre dita medie campeggia una donna nuda vestita, la stessa donna che nello stesso momento accarezza la tensostruttura spessa un’unghia di alluce supertecnologica, la palpeggia, ci si strofina come faceva la Gigiasa col fittone, dicesi così il normale paracarro. Compra, compra lo yogurtino, una modella ben [...]

Una ronda non fa primavera

Una ronda non fa primavera

Tra i tanti argomenti che fanno certamente notizia – avvistamento di stormi di immigrati malvagi in arrivo sulla penisola, vaccini killer, platani killer, insanabili disastri ecologici, le diete detox dei ricchi e già magri, gli accoltellamenti bizantini romani – una cosa che un giornalaio desideroso di far carriera non può assolutamente farsi mancare è la [...]

Hic sunt leones…da tastiera

Hic sunt leones…da tastiera

Buffo come siamo in grado di prendere parte, da una distanza ragionevolmente sicura, s’intende, alle grandi crociate del diritto planetario, possiamo farci latori di grandissime e nobili istanze, lottare fieramente per la salvaguardia di ogni e qualsiasi diritto per poi, miserevolmente, cadere sulle ginocchia nel quotidiano. Sulle ginocchia: come quando eravamo piccoli e sognavamo di [...]

Panem et Sanremum…

Panem et Sanremum…

Adesso sì che ci siamo. Dimenticate tutte le faide interne ai vari partiti e partitucoli, dimenticate lo scambio di coltellate e di mea culpa dei disastri naturali: non fanno più notizia, non calamitano più lo sguardo sempre attento degli italiani. E’ il momento dei circenses, in tutto il pregevole dispiego di forze che tiene buono [...]

Repubblica e Democrazia non sempre coincidono, anzi…

Repubblica e Democrazia non sempre coincidono, anzi…

Un argomento che oggi sembra essersi perso tra le nebbie del frastuono della sovrabbondanza di pensiero, un diluvio di concetti, parole, strida che sembra voler favorire (e in effetti lo fa) ciò che più è rumoroso a dispetto di ciò che più è utile o pieno di senso è l’interrogativo, molto antico a dispetto dell’usualità [...]

Sturm und Trump

Sturm und Trump

Sì, d’accordo, ha un parrucchino – speriamo sia un parrucchino – disgustoso e grottesco. Sì, d’accordo, c’ha la moglie tutta rifatta. Rifatta bene, però, ammettiamolo. Sì, è vero, è un populista della peggior specie. E’ superficiale, villano e sgarbato, rozzo, e ha il dito sui grilletti di tre quarti delle più grosse pistole del mondo. [...]

Quando c’era Lui… Nostalgie

Quando c’era Lui… Nostalgie

Coloro che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo, scriveva tanto tanto tempo fa Santayana. Ineccepibile, a ben pensarci. La cosa semmai curiosa è che oggi ancora si possa usare come scusante la perdita di memoria, considerata la mole raggiunta dalle banche dati e l’accessibilità ubiquitaria e permanente delle stesse; chi ha più bisogno [...]

Pagina 1 di 16123Avanti ›Ultima »