(S)Ventura
Tristezza Mondiale

Luca Proni alias Romano Troni

E così, guardando e ascoltando distrattamente le telecronache dei Mondiali di calcio, peraltro molto più professionali, meno soporifere e molto più gratuite su Mediaset che non sulla Canone Tv di Stato (Rai), salta fuori che ormai sanno tutti giocare a calcio. Il Senegal che batte la Polonia, il Messico che ridimensiona la Germania, Islanda e Svizzera che inchiodano sul pari Argentina e Brasile sono tutti risultati, ancorché “acerbi” (siamo solo all’inizio), che ridisegnano la geopolitica pallonara.

Il porta a porta ha fatto sì che il Manuale del Calcio arrivasse in ogni anfratto del globo; tre moduli di gioco e due diagonali difensive ormai li sanno fare anche sull’Everest e nella Fossa delle Marianne, chiunque è in grado di delirare su 4-4-2, 3-4-3, 3-4-1-2 e chi più pensa di saperne più ne inventi.

Sarebbe bello se fosse così.

In realtà è l’esatto opposto: questo calcio super fisico e super tattico ha raggiunto una tale mediocrità qualitativa che può essere giocato da tutti, anche da chi fino a ieri manco sapeva cos’era il fuorigioco. Tristezza mondiale pensare che anche l’Italietta di Ventura avrebbe rischiato di non perdere un paio di partite…

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *