Credem approva risultati primo trimestre 2018: +54,6 milioni di utile netto

Il Consiglio di Amministrazione di Credem sotto la Presidenza di Lucio Igino Zanon di Valgiurata ha approvato i risultati individuali e consolidati del primo trimestre 2018 (informativa finanziaria periodica aggiuntiva). Nel dettaglio, i dati confermano l’affidabilità e la solidità del Gruppo che ha registrato a fine marzo un CET1 Ratio a 13,63%, ai massimi livelli del sistema, con un margine di oltre sei punti percentuali rispetto al livello minimo assegnato da BCE per il 2018 pari a 7,375%. La consueta qualità dell’attivo è attestata dal rapporto tra crediti problematici lordi ed impieghi lordi (NPL Ratio) a 5,3% rispetto a 11,1% della media delle banche significative italiane. Nel trimestre è proseguito il sostegno a privati ed imprese con prestiti a 23,9 miliardi di euro in crescita del 4% a/a, incremento più che doppio rispetto al sistema che fa segnare +1,7% a/a.

E’ proseguita inoltre la strategia di assunzioni con l’inserimento di 85 persone di cui oltre il 70% giovani con una crescita dell’organico complessivo dell’1,2% a/a. Nel primo trimestre sono stati inoltre acquisiti 28 mila nuovi clienti e la raccolta complessiva da clientela è cresciuta del 3,6% a/a raggiungendo 66,2 miliardi di euro (+2,3 miliardi di euro in valore assoluto a/a) con particolare attenzione ai servizi di gestione del risparmio (raccolta gestita +4% a/a) e protezione assicurativa (raccolta assicurativa +7,3% a/a). Il Gruppo ha inoltre continuato a generare una consistente redditività con 54,6 milioni di euro di utile netto consolidato in progresso dell’11,4% rispetto a 49 milioni di euro del primo trimestre 2017 e dopo aver accantonato, al lordo dell’effetto fiscale, 10,9 milioni di euro come contributi al Fondo di Risoluzione Unico.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS