Horror vacui: in provincia di Reggio quasi una casa su cinque è vuota

In provincia di Reggio Emilia quasi una casa su cinque è vuota (46.313 appartamenti, 18% del totale), con il capoluogo che ha la percentuale più bassa di immobili non occupati (3.982 case, 5%) e Collagna quella più alta (1.298 appartamenti, 65%). È quanto emerge da un’analisi*di Solo Affitti, rete immobiliare specializzata nella locazione con 300 agenzie, illustrata in occasione dell’apertura del primo “punto partner” a Guastalla presso l’agenzia “CasaSì” di via Circonvallazione 89.

Solo Affitti ha studiato il progetto “Punti partner” per allargare la sua presenza sul territorio nazionale. L’iniziativa dà la possibilità di creare un corner dedicato alle locazioni all’interno di un’agenzia partner che si occupa anche di compravendite. Solo Affitti concede il proprio marchio in esclusiva di zona, fornendo tutti i servizi che offre anche ai suoi affiliati monomarca. Il progetto è stato pensato per andare incontro a un’esplicita richiesta degli agenti immobiliari che, in difficoltà con le compravendite, hanno chiesto a Solo Affitti di aiutarli a specializzarsi rapidamente nel mercato locativo, per diversificare il loro rischio d’impresa.A oggiAggiungi un appuntamento per oggi sono oltre 60 i punti partner aperti in Italia.

Secondo Solo Affitti, che propone di sostenere il mercato locativo valorizzando gli immobili non occupati, tra i comuni con più case vuote ci sono, dopo Collagna, anche Ramiseto (1.509 immobili, 64% del totale), Ligonchio (947, 61%) e Busana (1059, 58%). Più di un appartamento su due a Villa Minozzo (3016 immobili, 56% del totale) risulta non occupato mentre non superano il 48% le case vuote a Carpineti (1907). Tra i comuni con meno case vuote, dopo Reggio Emilia ci sono Sant’Ilario d’Enza (431 appartamenti, 9%), Brescello (234, 10%) e Boretto (248, 11%). Seguono, nella classifica elaborata da Solo Affitti, un gruppo di 4 comuni con una percentuale di case vuote pari al 12%: Gualtieri (336 immobili), Reggiolo (456), Casalgrande (1003) e Poviglio (398). Guastalla è al 15° con una percentuale di appartamenti non occupati del 14% (979 appartamenti).

“Per un monolocale in città– spiega Andrea Zenari, responsabile del punto partner Solo Affitti di Guastalla– si pagano mediamente tra i 250 e i 350 euro al mese, che salgono fino a un massimo di 440 euro per i bilocali. La richiesta per gli appartamenti da 3 stanze oscilla tra i 400 e i 500 euro mentre per i quadrilocali si può arrivare anche a 520 euro mensili”.

In Italia sono oltre 7 milioni e 38 mila le case non occupate (22,5% del totale) con una presenza maggiore in regioni del Sud come Calabria (2° posto nazionale con il 38,7% e 481.741 case), Molise (3° con il 36,9% e 73.524 case) e Abruzzo (4° con il 32,7% e 250.038) per effetto dell’emigrazione. Il trend è sviluppato anche in Valle d’Aosta (1° posto in Italia con il 50% per 58.731 immobili) e Trentino Alto Adige (9° con il 27,2% e 156.771) dove abbondano le case di villeggiatura.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *