Il ritmo dell’Arena: l’affaire Campovolo tra rischio ritardi e conferma di tempi

I soci del raggruppamento temporaneo di imprese che si è aggiudicato il bando per la realizzazione dell’Arena Campovolo hanno confermato l’obiettivo di realizzazione di una infrastruttura unica a livello globale, nel rispetto dei tempi previsti dal progetto presentato in gara.

Il punto sullo stato di avanzamento del progetto è stato fatto venerdì 6 aprile, nel corso dell’assemblea dei soci del raggruppamento composto da Coopservice (capogruppo mandatario), Nial Nizzoli e Consortile Campovolo (società costituita da cinque soci).

Il raggruppamento comunica che si sono conclusi i lavori di caratterizzazione del terreno (230 mila metri quadri) e non è emersa una sostanziale presenza di sostanze inquinanti nel sottosuolo, il poco che è stato individuato verrà gestito nei termini di legge.

Sta proseguendo l’indagine bellica, propedeutica allo spostamento dei paracadutisti: dalle prime analisi è emersa la presenza di residui ferrosi nel sottosuolo, sui quali sarà necessario effettuare ulteriori approfondimenti per individuare la eventuale necessità di bonifica bellica prima dell’avvio vero e proprio dei lavori. Sta, inoltre, proseguendo l’indagine bellica sul resto dell’area, il raggruppamento è già in possesso del permesso del preposto comando militare per potere effettuare l’eventuale bonifica

Sta continuando l’analisi dei modelli di evacuazione, costruiti con il supporto di imprese specializzate, come richiesto dalla commissione Pubblici Spettacoli. Dai dati in possesso, emerge che i tempi di evacuazione dell’arena sono conformi alle normative di sicurezza.

Il raggruppamento precisa che i lavori veri e propri, di movimento terra e di nuova urbanizzazione dell’area, potranno iniziare solo dopo aver concluso tutte le attività preliminari e ribadisce che l’inaugurazione della struttura avverrà non oltre la seconda metà del 2019.

I soci del raggruppamento hanno ribadito di operare nel pieno rispetto degli impegni assunti nel progetto tecnico presentato in gara, con importanti ricadute di carattere sociale ed economico, e di tutte le prescrizioni chieste dalla Conferenza dei Servizi per dotare il territorio di una infrastruttura unica nel suo genere, che dovrà essere dotata di standard di qualità elevati e la cui realizzazione necessita che tutte le opere propedeutiche all’inizio dei lavori, come quelle descritte, siano portate a compimento.

Il raggruppamento sta lavorando per dare al territorio una struttura unica ma anche sicura sia in fase di realizzazione che di gestione. I tempi devono essere dettati unicamente dal rispetto delle procedure previste per la realizzazione di un’opera unica e complessa.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

One Response to Il ritmo dell’Arena: l’affaire Campovolo tra rischio ritardi e conferma di tempi

  1. duilio cangiari 11 aprile 2018 at 09:38

    In questa vicenda emerge un dato su tutti. Il mancato rispetto degli impegni e dei documenti approvati. Già nell’assemblea di Gavassa sono state fatte, da parte dell’amministrazione, dichiarazioni non in linea con i documenti presentati. Ora se nell’aggiudicazione si parla di tempi da rispettare per il rischi di gravi conseguenze (economiche) che ne derivano, ci chiediamo a cosa dobbiamo credere? O era una balla il documento scritto, oppure dicono balle adesso! In ogni caso una forte perdita di credibilità da parte di tutti i soggetti coinvolti.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *