Mezzo milione di stranieri vivono in Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna è straniero un abitante su otto: gli immigrati sono 531mila (pari all’11,9% della popolazione), di cui poco meno di un quinto, 96mila, sono scolari e alunni di scuole di ogni ordine e grado, quindi giovani e giovanissimi. Sono alcuni dei dati emersi in commissione Politiche della Salute in Regione, fra i quali emerge anche il contributo al motore economico dell’Emilia-Romagna: gli stranieri producono il 12% del Pil regionale, come ha sottolineato dalla vice presidente Elisabetta Gualmini in Assemblea legislativa regionale.

La popolazione residente in Emilia-Romagna cresce soprattutto grazie al contributo delle famiglie straniere. Nel corso degli anni Duemila l’incremento complessivo è stato di 560mila persone (+14%); quella italiana è salita di circa 121 mila abitanti (+3,2%) e quella straniera di circa 437.500 (+468%). Un quarto dei bambini nati nel 2016, 8357, sono stranieri. Secondo l’Istat al primo gennaio 2017 in Emilia-Romagna il totale dei permessi (soggiornanti di lungo periodo e con scadenza) era pari a 427.609, i quali rappresentano l’11,5% per cento degli oltre 3,7 milioni dei residenti in Italia.

E’ Piacenza la provincia con l’incidenza di stranieri residenti, Bologna quella con la cifra maggiore. A Piacenza sono 40.281 (14% del totale dei residenti), a Parma 60.552 (13,5%), a Reggio Emilia 65.450 (12,3%), a Modena 90.916 (12,9%), a Bologna 118.013 (11,7%), a Ferrara 30.367 (8,7%), a Ravenna 47.570 (12,1%), a Forlì-Cesena 41.515 (10,5%) e, infine, a Rimini 36.364 (10,8%).

Nel 2016 erano 318mila i dipendenti stranieri occupati, il 20,9 per cento dei lavoratori complessivi e nel 2016. I nuovi assunti stranieri erano pari al 40,8 per cento del totale. A fine 2016, i titolari stranieri di un’azienda attiva in Emilia-Romagna erano oltre 38 mila (Nel 2000 erano meno di 10 mila). Il pil creato da lavoratori immigrati in Emilia-Romagna è pari al 12 per cento del Pil regionale (16,1 miliardi).

Per quanto riguarda l’accesso ai servizi e ai contributi, nel 2015 le persone che hanno presentato domanda sono state 122.719: gli stranieri sono stati 43.555 (pari al 35,5%). Per quanto riguarda i minori, quelli stranieri in carico ai servizi sociali rappresentano il 49% del totale (circa 27 mila). Gli alloggi Erp assegnati a famiglie straniere, nel 2016, sono state oltre 8.400 (pari al 16,8% della disponibilità residenziale pubblica).

Ad agosto 2017 i richiedenti asilo nel territorio regionale erano 14.186 contro i 12.193 del dicembre scorso. Con un ulteriore calo registrato nel febbraio 2018, quando se ne contavano 11.867.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

One Response to Mezzo milione di stranieri vivono in Emilia-Romagna

  1. Sciaffuso 4 aprile 2018 at 18:02

    Gli stranieri sono il 12%: se loro accedono ai servizi e ai contributi per un 35,5% significa che MEDIAMENTE allo straniero diamo il QUADRUPLO rispetto ad un italiano.

    Complimenti a tutti.