Una “tavola spigolosa” sulla sicurezza: le opposizioni insorgono dopo l’iniziativa prevista dal Comune

E’ bufera sul seminario, con annessa tavola rotonda, sul tema della sicurezza urbana organizzato, per il 15 febbraio, dal Comune di Reggio. Un argomento – le buone pratiche dall’Emilia all’Europa – su cui si confronteranno esperti, rappresentanti delle Forze dell’ordine e dei Comuni di Lucca e della vicina Parma. L’invito all’evento è arrivato, nei giorni scorsi, anche ai consiglieri comunali che non hanno creduto ai loro occhi. Come? Per mesi l’Amministrazione ha ridimensionato il problema sicurezza in città e ora, nel pieno della campagna elettorale, organizza un mega evento sul tema? Son state in buona sostanza le obiezioni delle opposizioni in sala del Tricolore. Che parlano di un evento di “propaganda”.

“Il convegno sulla sicurezza organizzato dal Comune è un evento tipicamente di propaganda elettorale – tuona la Lega Nord per voce del candidato Gianluca Vinci -. L’emergenza sicurezza non è un alimento da consumarsi preferibilmente entro il 4 marzo. Si tratta di un problema serio e non di una percezione qualsiasi che condiziona pesantemente la vita dei cittadini. Pertanto ci sembra assurdo e anche ridicolo il modus operandi di un’amministrazione comunale che ha trasformato la cosiddetta ‘Città delle Persone’ nella città delle percezioni”.

Di “propaganda elettorale” parla anche Cinzia Rubertelli, consigliera di Alleanza Civica che bolla l’iniziativa come “fuori luogo” e “fuori tempo”. E ancora: “Privo di qualsiasi condivisione un evento di questo tipo ha tanto il sapore di propaganda pagata dalla comunità”. Il seminario si terrà nel pomeriggio del 15 febbraio nella sala civica della Polveriera, mentre la tavola rotonda della sera sarà ospitata dalla sala degli Specchi del teatro Valli.

Di fronte all’invito ricevuto dall’assessorato guidato da Natalia Maramotti, la Rubertelli riferisce tutta la perplessità: “Ho pensato – scrive in una nota – a tutte le volte che ho posto il tema della sicurezza in Sala del Tricolore e a quante volte l’assessore in questione ha minimizzato la situazione, portando spesso la maggioranza a bocciare le proposte di Alleanza civica. Ho pensato a quante poche volte il tema è stato affrontato in commissione e a quanto poco, questa Amministrazione, presta ascolto ai problemi dei cittadini”.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS