Eia-eia-altolà
Fasciocomunisti e Nazititini

Chiamate le cose col loro nome. Se uno si ispira al Mein Kampf non è fascista, è nazista. Se qualcuno inneggia alle foibe non è fascista, cara Anna Falcone, ma comunista di Tito. Esiste nella storia una violenza di destra, ma esiste anche una violenza di sinistra.
O torniamo alle “sedicenti brigate rosse”? Dalla nascita del movimento operaio italiano esiste, e non è scomparsa, una tendenza che non ha mai accettato la democrazia, anzi l’ha irrisa (pensiamo alle teorie prevalenti nel ’68 e a larga parte della sinistra extra parlamentare) e oggi si riaffacciano le stesse tendenze che si incarnano negli antagonisti e nei no globals.

Quando si organizza una manifestazione si deve sapere chi vi partecipa. Ci si può sempre non andare.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *