Parmigiano-reggiano, mercato sicuro

Luca Galimberti, Paola Ligabue e Lorenzo Zanlari, ovvero i tre gestori della start-up Between

Unica nel comparto, è nata a Reggio Emilia la prima rete export del Parmigiano Reggiano, con l’obiettivo di rendere il produttore protagonista della filiera: dalla produzione del latte alla vendita del formaggio al consumatore finale, principalmente estero. La rete punta a fornire nuovi canali commerciali ai piccoli imprenditori del settore, in aggiunta a quelli di sempre, agevolando la conoscenza del vero Parmigiano Reggiano negli altri Paesi. È noto come il made in Italy agroalimentare trovi nell’imitazione di questo formaggio il rivale più agguerrito. I tentativi di frode sono frequenti, e talvolta mettono a rischio la salute stessa del consumatore: diventa pertanto prioritario riuscire ad orientare la sua scelta sul prodotto originale, facendo conoscere la reale qualità del processo produttivo italiano.

Protagonisti di questa avventura tesa a raggiungere nuovi mercati, sono i titolari di tre caseifici del territorio: Francesco e Giuseppe Dotti, commercianti a Fidenza e a Barco di Bibbiano, e Umberto Dallaglio del caseificio sociale Allegro di Castelnovo Sotto. Ad affiancarli è la società Between srls di Reggio, start-up operante nella promozione dei prodotti italiani sui mercati esteri attraverso propri collaboratori diretti, che quattro mesi fa ha seguito anche la costituzione della rete, avvenuta con regolare atto notarile.

Dopo la promozione ad Hanoi in Vietnam lo scorso ottobre, dal 18 al 23 febbraio sarà la volta della fiera Gulfood di Dubai, importante vetrina negli Emirati Arabi Uniti, dove gli agenti di Between avranno l’obiettivo di stringere relazioni commerciali con gli interlocutori interessati a conoscere le tante virtù del Re dei formaggi. Se fino ad oggi le imprese attive nella produzione e nella vendita del Parmigiano Reggiano si sono sempre mosse da sole sul mercato estero, spesso senza conoscerne sufficientemente bene le regole, la rete export punta ad unire i coltivatori nel perseguire un obiettivo comune.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *