Per un Patrono meno intossicato: dal 24 misure antismog più stringenti (con riscaldamenti “bassi”)

Da venerdì 24, e fino a lunedì 27 novembre (compreso), scattano le misure emergenziali di primo livello per il contenimento degli inquinanti e la salvaguardia della qualità dell’aria. Gli sforamenti delle concentrazioni delle pm10 registrati nei giorni scorsi fanno entrare in vigore ulteriori limitazioni al traffico rispetto alle “limitazioni base” previste dal Piano regionale dell’aria elaborato dalla Regione Emilia Romagna, in accordo con le regioni della pianura Padana.

Per cui dal 24 e fino al controllo successivo (lunedì prossimo) dalle ore 8.30 alle ore 18.30 non potranno circolare tutti i veicoli a benzina pre-euro ed euro 1, diesel pre-euro, euro 1, 2, 3 e 4 e ciclomotori e motocicli pre-euro. Potranno invece circolare tutti i veicoli appartenenti alle categorie superiori e quelli alimentati a metano, gpl, elettriche ed ibride.

Sarà vietato inoltre sostare a motore acceso.

Per quanto riguarda il riscaldamento, le temperature di case, uffici, luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali non potranno superare i 19 gradi, mentre i luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali non potranno spingersi oltre i 17 gradi. Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive.

Sarà inoltre vietato l’utilizzo di generatori di calore a biomassa legnosa (se è presente un impianto di riscaldamento alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore alle 3 stelle. Non si potranno bruciare all’aperto residui vegetali, fare falò, barbecue o fuochi di artificio, né si potranno spargere liquami zootecnici

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

One Response to Per un Patrono meno intossicato: dal 24 misure antismog più stringenti (con riscaldamenti “bassi”)

  1. Gerta 24 novembre 2017 at 12:57

    Ma la temperatura negli uffici pubblici, qualcuno la controlla ?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *