Modena, un centro per le tecnologie industriali 4.0

Inaugurato a Modena il Centro di Ricerca Metal Additive di Hpe Coxa. Il Centro è stato realizzato per assicurare in modo rigoroso l’integrazione tra progettazione, simulazione e produzione in un’ottica esclusivamente additiva, anziché, come avviene comunemente, limitarsi a produrre con le nuove “stampanti 3D” pezzi progettati secondo le tecnologie tradizionali.

Inserito in una logica di Smart Factory, il Centro di Ricerca Metal Additive è complementare alle tecnologie presenti all’interno del Mil, il Machining Innovation Lab realizzato lo scorso anno da Hpe Coxa, che unisce le tecnologie più avanzate di lavorazione meccanica, utensili e attrezzature, insieme ai sistemi di controllo di processo a scansione ottica. L’investimento totale per il progetto ammonta a 8 milioni di euro, di cui 3,5 finanziati dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito della Legge sull’attrattività, e ha previsto l’assunzione a tempo indeterminato di 20 ingegneri ricercatori.

Il modello di funzionamento del Centro prevede un responsabile operativo e al contempo una direzione scientifica, realizzata nell’ambito di una collaborazione col Dipartimento di Ingegneria di Unimore per sviluppare un programma scientifico di ricerca da abbinare alle attività produttive che il Centro è in grado di effettuare.

Un nuovo centro di ricerca in grado di relazionarsi con istituti di ricerca, laboratori e università contribuendo a sviluppare innovazione, migliorare il trasferimento tecnologico e creare quel terreno fertile che permette lo sviluppo di nuove start up, che a loro volta innescano processi di nuovo sviluppo e nuova innovazione – ha commentato il presidente della Regione Stefano Bonaccini. L’obiettivo comune, come in una corsa di Formula 1, è quello di fare squadra riposizionando l’Emilia-Romagna tra le realtà più avanzate in termini di performance economica e di ‘spessore’ della comunità di ricerca, formazione e produzione”.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS