La Bce inserisce il Credem nell’elenco dei “Conglomerati finanziari” tra i gruppi societari italiani

In data 6 ottobre, la Banca Centrale Europea (BCE) ha comunicato al Gruppo Credem l’inserimento tra i gruppi societari italiani che svolgono attività significativa sia nel settore bancario e dei servizi di investimento sia nel settore assicurativo (conglomerati finanziari). Il Gruppo sta perseguendo una forte strategia di espansione ed ha raggiunto a fine giugno 2017 quasi 40 miliardi di totale attivo, con una crescita particolarmente significativa, pari a quasi il 26%, da fine 2013. Lo sviluppo ha riguardato tutte le attività del Gruppo, dai servizi di investimento e bancari alla consulenza nell’ambito assicurativo con le riserve raddoppiate dalla fine del 2013 a giugno 2017 raggiungendo quota 6,5 miliardi di euro.

L’inclusione nell’elenco dei conglomerati finanziari prevede una vigilanza supplementare a cura della BCE, che si aggiunge alle altre autorità di vigilanza settoriali ed a quella già esercitata sempre dalla BCE sul Gruppo come banca “significativa” dal 1 gennaio 2016 all’interno del SSM (Single Supervisory Mechanism), così da rafforzare ulteriormente le tutele verso la clientela del Gruppo. “Da sempre abbiamo creduto che la completezza d’offerta sia un elemento qualificante per la consulenza ed i servizi che proponiamo ai nostri clienti”, ha dichiarato Nazzareno Gregori, Direttore Generale di Credem, ”ed i trend di crescita che abbiamo riscontrato ci danno conferma della correttezza della strada intrapresa e che la clientela ha riposto fiducia in questo modello basato su competenza, ampiezza ed integrazione dell’assistenza e del supporto fornito a privati ed imprese.”

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS