Cassa integrazione alla Artoni per 116 ex dipendenti. L’azienda è in amministrazione straordinaria

Scatta la cassa integrazione per 116 dipendenti della Artoni, azienda trasporti di Guastalla che è in procedura di amministrazione straordinaria dal giugno scorso: la misura è in vigore dal primo agosto scorso e lo sarà per tutta la durata dell’attività del commissario straordinario. Il personale sarà sospeso a zero ore ma, compatibilmente con il programma di amministrazione straordinaria, verrà attuata una rotazione per permettere la prosecuzione a livelli minimi di attività.

Durante l’intervento della cassa integrazione straordinaria, le parti (in primis sindacato e commissario straordinario) hanno concordato di poter utilizzare lo strumento della procedura di licenziamento collettivo “secondo il criterio della non opposizione al licenziamento – si legge nell’accordo – finalizzata al ricollocamento del personale ovvero al raggiungimento dei requisiti pensionistici nel corso del periodo di Cigs e/o mobilità”. La regione Lombardia nell’ambito delle iniziative di propria competenza, ha confermato “la disponibilità ad attivare percorsi di formazione, ricollocazione e riqualificazione professionale attraverso il proprio sistema di politiche attive”.

“La procedura – si legge in una nota della Filt Cgil – riguarderà tutti i 116 dipendenti ancora in forza alla Artoni Trasporti spa (in stato di insolvenza dal tre maggio scorso), 21 dei quali assunti a tempo indeterminato presso la sede centrale di Reggio Emilia. All’accordo – prosegue la nota – si è giunti dopo che il Commissario Straordinario Franco Lagro ha informato le parti delle trattative aperte per la vendita di asset aziendali ritenuti particolarmente appetibili sul mercato. Qualora queste trattative andassero a buon fine si procederà alla ricollocazione del personale interessato; intanto si applicherà la Cassa Integrazione a rotazione e a zero ore compatibilmente con le esigenze della Amministrazione Straordinaria”.

“Per il personale che non potrà essere ricollocato – conclude la Filt Cgil – l’accordo prevede un percorso per il raggiungimento dei requisiti pensionistici attraverso la procedura strumentale del licenziamento collettivo”.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *