“Fabula postuma” live show: festa per tutti venerdì ad Albinea

Serata live al circolo tennis per il nuovo libro di Ciro Andrea Piccinini (ed. thedotcompany, opera di 252 pagine in corsa al premio Viareggio-Rèpaci 2017), che scherzosamente ama definirsi “il più grande linguista morente”.

cover-libro-newtennisNovanta minuti di discese agli inferi e risalite agli astri, su e giù per le “210 variazioni per voce roca e viola d’amore” di Fabula postuma (guarda e acquista)ovvero: “teosofie, cosmogonie, falloforie e altre tragicomiche prosopopee” (edizioni thedotcompany).

Si tratta della nuova opera in versi di Ciro Andrea Piccinini (paroliere e libronauta che da anni si occupa di comunicazione generativa e suoni dal profondo) ed è candidata alla finalissima del premio Viareggio-Rèpaci 2017 in quanto segnalata da alcuni giurati dello stesso.

piccininiLa primissima presentazione si terrà venerdì 5 maggio alle ore 21.30 al circolo tennis di Albinea (ingresso libero): una serata di letture oracolari, musica dal vivo e buffet dionisiaco, impreziosita dalla partecipazione di Marzio Pieri (critico letterario), Faustino Stigliani (voce recitante), Elde Lini e Federico Truzzi (violoncello e chitarra) e Daniele Moreschi (arpa in meditazione).

L’appuntamento in oggetto è anche l’unica data italiana di “Mitografia Europea 2017″, festival dell’antichità classica e delle digital humanities.

faustinoFabula postuma (settimo titolo della collana di poesia della giovane e dinamica casa editrice reggiana thedotcompany, che conta altre tre collane: narrativa noir, memorialistica e saggistica) è un poema circolare incistato nell’esperienza dell’esistenza, nella necessità del divenire. Un’opera – un’epopea – disseminata di incontri onirici, annotazioni ironiche e situazioni paradossali, cromatiche e somatiche. Un’avventura in tre fasi (esodo, attraversamento, ritorno) costruita su più livelli narrativi e vissuta in compagnia di miti greci, personaggi biblici, figure letterarie e filosofi cari all’autore, scritta con uno stile originale che procede dall’introspettivo all’iperbolico, dal retrospettivo al funambolico. Tra puntini di sospensione, grida di aiuto e stati di grazia. 

win-22

moreschi

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS