Vade retro Saragat! La rinascita dei Socialdemocratici (traslitterati)

FullSizeRender (2)

Tutino ai Chiostri arringa i neo-socialdemocratici…

Un nuovo spazio di discussione all’interno del centrosinistra reggiano. Al Chiostro della Ghiara è nato il gruppo provinciale di DemocraticiSocialisti, associazione fondata dal presidente della Toscana Enrico Rossi per promuovere, all’interno e all’esterno del partito, una nuova area di pensiero e azione che riaffermi i valori socialisti e progressisti.

Al primo incontro, su invito, hanno partecipato oltre 60 persone che si sono confrontate sul futuro del centrosinistra e sugli obiettivi dell’associazione, anche in vista dell’iniziativa di presentazione nazionale che si terrà a Roma il 18 febbraio. A condurre il dialogo, la consigliera regionale Silvia Prodi, tra i primi fondatori di SocialistiDemocratici, l’assessore Mirko Tutino, a cui Enrico Rossi ha affidato il ruolo di responsabile nazionale dell’organizzazione, e il vicesindaco di Scandiano Matteo Nasciuti, coordinatore del gruppo provinciale. Nel corso della serata sono stati presentati i progetti futuri dell’associazione, che nei prossimi mesi promuoverà iniziative specifiche sul territorio dedicate ai temi più stringenti del dibattito democratico.

«Vanno molto di moda i pronostici su quando ci saranno le elezioni politiche e su chi sarà candidato – dichiarano gli organizzatori – Alcuni si ritengono da anni candidati in pectore. Nessuno di noi ritiene che ci debbano essere candidati naturali e adatti a qualsiasi contesto: vogliamo che si vada alle elezioni dopo un congresso, ovvero dopo aver discusso da che parte si schiera il Pd quando si parla di tutela del lavoro, di servizi pubblici locali, di tutela del welfare, di diritti. Perché solo dopo questo confronto si potranno cercare alleanze.

Siamo contrari a un’alleanza strutturale con il Nuovo Centrodestra. Il ministro Delrio, che ha dichiarato a Repubblica di volere Alfano nella nostra coalizione, stando da troppo tempo a Roma deve avere dimenticato il valore di un centrosinistra che non perda la sinistra, proprio come quel centrosinistra che lo ha eletto sindaco per due volte a Reggio Emilia. Le donne e gli uomini, se si candidano a un incarico, servono a sostenere le idee e i programmi di una comunità politica, non basta fare il vassallo o il valvassore del leader di turno».

L’associazione DemocraticiSocialisti nasce per sostenere la proposta della “Rivoluzione socialista” avanzata in questi mesi da Enrico Rossi, candidato alla segreteria del Partito Democratico, in vista del prossimo congresso. Il 18 febbraio l’associazione promuoverà al Teatro Vittoria a Roma un’assemblea nazionale per individuare idee per un Pd rinnovato con radici sociali e identità più forti di quelle attuali. Sarà presente anche il gruppo di Reggio Emilia, che in questi giorni sta raccogliendo le adesioni all’iniziativa.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

One Response to Vade retro Saragat! La rinascita dei Socialdemocratici (traslitterati)

  1. avatar
    G.Gamberini 10 febbraio 2017 at 09:53

    Basta leggere le loro dichiarazioni per capire facilmente quanto possa essere opinabile e relativo il concetto di”progressista”!
    In ogni caso bisogna dire che questi illustri strateghi ce la stanno mettendo davvero tutta per contribuire all’implosione del loro partito e preparare per esso un futuro elettorale da 20%(non il loro,che se dovessero abbandonare la casa comune forse forse riuscirebbero a superare la soglia di sbarramento!!).
    Se non altro ai tempi del “Manifesto” quando i percorsi strategici diventavano così diversi si aveva la coerenza di prenderne atto fino in fondo!

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>