La primissima de "La leggerezza del vento", libro molto femminile - 7per24 | 7per24

La primissima de “La leggerezza del vento”, libro molto femminile

Libreria All'Arco di Reggio E.: l'autore mostra la sua opera prima letteraria

Libreria All’Arco di Reggio: l’autore mostra la sua opera prima, già in distribuzione anche a Scandiano (Marco Polo) e Sassuolo (Incontri)

S’intitola “La leggerezza del vento. Pensieri di farfalla in un batter d’ali”. E’ fresco di stampa ed è una preziosa raccolta di pensieri, poesie, canzoni, aforismi e disegni che verrà presentata questa sera (dalle ore 18.30 alle ore 20.30), con un aperitivo artistico-letterario-musicale, alla Taberna Bramata, l’eno-osteria della Rocca di Scandiano.

L’autore del libro (il suo primo libro, pubblicato con la reggiana thedotcompany) è il reggiano Emiliano Fantuzzi, 41 anni che abita con la moglie e il figlio sulle colline tra Scandiano e Viano, musicista professionista molto conosciuto su e giù per lo Stivale in quanto da più di 15 anni lavora e suona con alcuni tra i più grandi nomi della musica nazionale sia in studio sia in tour (anche all’estero).

Il volume, suddiviso in 4 sezioni (grecale, scirocco, libeccio, maestrale, dal nome dei quattro venti “intermedi”), contiene anche una sentita postfazione della scrittrice Catena Fiorello (sorella del Rosario nazionale), nonché gli incoraggianti commenti sul libro inviati dagli amici dell’autore Fabio Salvatore (scrittore), Maddalena Magliano (astrologa) e Barbara Benedettelli (scrittrice), ma anche dai due principali “fratelli” artistici di Fantuzzi, vale a dire i cantautori e musicisti Filippo Neviani (Nek) Biagio Antonacci.

La versione cartacea del libro (92 pp., 10,90 euro), già distribuita in anteprima in tre punti vendita (libreria All’Arco di Reggio Emilia, libreria Incontri di Sassuolo e libreria Marco Polo di Scandiano), dalla prossima settimana sarà acquistabile anche sul negozio online di Amazon, nonché diffuso in altre selezionate librerie d’Italia.

volantino emiliano“Un libro per raccontare, esternare, condividere – spiega Fantuzzi -. Appunti sparsi, disegni, parole, poesie o testi di canzoni mai nate: non conta la forma ma conta il contenuto. Nel rispetto delle cose e con la voglia di scoprirle, di affondarci dentro e ritornare a galla con una manciata di comprensione da spendere nei giorni che verranno. Semplicemente. Senza fretta, senza vergogna e soprattutto senza complicare l’evidenza. I tempi della natura sono comprensibili alla vita, non sempre ai nostri occhi distratti. La lontananza è un pregio per ritrovare se stessi, nella solitudine si incontra la libertà”.

“La leggerezza del vento – continua l’autore, sito: www.emilianofantuzzi.com – è un arrivo importante, un obiettivo raggiunto. Un libro che ho dovuto aprire e leggere ancora prima di iniziare a scriverlo. Pagine che parlano di me, ma che immediatamente mi dimenticano per offrire lo sguardo al tutto. Dedicato all’aria. Un primo capitolo, forse, di un viaggio attraverso i quattro elementi che rendono la nostra presenza in questo universo un’esperienza così intensa da sembrare quasi inafferrabile. Un sogno che diventa realtà, ogni giorno della nostra vita”.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS