Scontri a Bologna, 19 feriti tra le forze dell’ordine

Sono 19 i feriti delle forze dell’ordine impegnati a Bologna negli scontri coi collettivi antagonisti avvenuti ieri in due diverse occasioni: in via Castiglione mentre parlava il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco e in piazza Cavour e via Garibaldi nel tentativo di sfondare e raggiungere il presidio di Forza Nuova in piazza San Domenico. Si tratta di sei carabinieri, che hanno prognosi tra 2 e 20 giorni, e 13 poliziotti, che hanno riportato la perforazione del timpano per la quale i medici hanno stimato una prognosi tra i 7 e i 12.

Feriti anche tra i manifestanti, ma non è chiaro né il numero né le prognosi: uno di loro è stato medicato sul posto dal personale di un’ambulanza. Mentre il prefetto Ennio Mario Sodano parla di “sapiente gestione dell’ordine pubblico”, il sindaco Virginio Merola manda un messaggio chiaro ai centri sociali: contestare il governatore di Bankitalia e poi raggiungere il sit-in di Forza Nuova “non ha nulla a che fare con l’antifascismo anzi, ne è la sua negazione: è in atto una grave deriva di sopraffazione e di violenza contro la quale occorre reagire con fermezza e senza indugi”.

Oltre a carabinieri che hanno riportato contusioni guaribili dai 2 ai 20 giorni, tra i poliziotti sono rimasti contusi in vario modo tre funzionari e dieci agenti dei reparti mobili di Bologna e di Padova. Un alto dirigente della questura, colpito da un petardo che gli è esploso sul caschetto, ha riportato un trauma acustico e una sofferenza psicofisica guaribili in 7 giorni.

Share This Post

GoogleRedditBloggerRSS

One Response to Scontri a Bologna, 19 feriti tra le forze dell’ordine

  1. pino insegno 19 ottobre 2014 at 19:21

    Ma basta con questi centri sociali, non se ne può più veramente di sta gentaglia. Cioè, se si pensa, che questi centri cosiddetti sociali, non sono altro che un covo di lazzaroni, alcolizzati, drogati e teppisti, vengano addirittura stanziati soldi per le loro esistenze, mentre gli Italiani sono sempre piu’ travolti da fame e disperazione, la dice lunga sulla classe politica che ci governa. Che tristezza. Siamo proprio in Italia. …….